/ Solidarietà

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | 10 aprile 2020, 14:28

L'associazione "Prendiamoci per mano" di Albenga ricorda la Giornata Mondiale del Parkinson

Tante iniziative realizzate dall'associazione a partire dallo scorso novembre, quando è stata fondata, fino a oggi

L'associazione "Prendiamoci per mano" di Albenga ricorda la Giornata Mondiale del Parkinson

L’ associazione “Prendiamoci per mano” di Albenga, istituita lo scorso 24 novembre, celebra l'11 aprile 2020 la giornata mondiale della malattia.

Nata dalla volontà di un gruppo di parkinsoniani e dei loro famigliari e guidata dal responsabile scientifico Ilaria Moreno,dottoressa in scienze motorie e ambasciatrice del Comitato Associazioni Parkinson per la Liguria l’ associazione sta affrontando il difficile momento dovuto all’ emergenza COVID-19 supportando i malati attraverso contatti settimanali predisposti e calendarizzati, mediante una piattaforma on-line.

In questi incontri i parkinsoniani e i loro care-giver effettuano attività motorie, risveglio muscolare, yoga della risata e varie attività psico-fisiche fondamentali per il rallentamento degli effetti di questa malattia; inoltre hanno l’ opportunità di interfacciarsi con i loro “compagni di avventura” che, data la situazione contingente, non avrebbero possibilità di vedere in contemporanea.

In questo momento così delicato, questi incontri diventano”, un “surrogato” della vita normale precedente all’ emergenza, una “boccata di ossigeno che rompe la solitudine e mette in contatto le persone ridando a ciascuno quello stimolo per continuare a “prendere a pugni” il Parkinson e non cedere alla tentazione della resa, nell’ ottica del recupero di uno spirito positivo volto al miglioramento psicofisico.

Inoltre, attraverso il canale wiki parky.tv, gestito dal Comitato Italiano Associazioni Parkinson , del quale l’ associazione è delegazione regionale, i malati e i loro famigliari possono accedere a varie proposte del palinsesto: question time su diversi aspetti inerenti la malattia, incontri con specialisti quali psicologi, logopedisti, neurologi, fisioterapisti, nutrizionisti,eccetera, per ampliare le proprie conoscenze ed esperienze continuando a contrastare l’ avanzamento della malattia in modo attivo e consapevole.

Ovviamente tutte queste attività non possono sostituire pienamente quello che sono le attività svolte nel periodo pre-covid, durante le quali ciascun parkinsoniano poteva usufruire delle strumentazioni tecnologiche di ultima generazione presenti nel centro “Muovi la salute” e della terapia individualizzata specifica fatta in presenza e sotto il controllo di personale qualificato.

L’ associazione intende , in questa ricorrenza, sensibilizzare l’ opinione pubblica in merito alle problematiche che quotidianamente i malati di Parkinson incontrano, in particolare in questa emergenza, durante la quale l’ attività fisica, di fondamentale importanza per il rallentamento e il recupero delle manifestazioni della malattia, risulta penalizzata pesantemente.

Ha richiesto pertanto agli organi competenti che, qualora si attivasse la fase 2 dell’ emergenza, queste problematiche siano tenute in particolare considerazione, concedendo ai malati di Parkinson di essere tra le categorie che per prime possano avvalersi della possibilità di effettuare attività motoria all’ aperto, ovviamente nel pieno rispetto di tutte le normative igienico-sanitarie previste.

In occasione della Giornata Mondiale del Parkinson gli associati di “Prendiamoci per mano” si incontreranno via web per celebrare la giornata mondiale e potranno fare un brindisi in compagnia di illustri specialisti del settore: la Dottoressa Francesca Di Biasio di Genova, il dottor Nicola Modugno di Roma, entrambi neurologi, e la psicologa game trainer Dottoressa Lisa Ardenghi.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium