/ Solidarietà

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | 16 luglio 2020, 08:32

Savona, gabbiano reale intrappolato per ore su un balcone: salvato da vigili del fuoco ed Enpa

L'episodio accaduto in via Martinengo. L'allarme è stato lanciato da alcuni passanti

Foto comunicato stampa

Foto comunicato stampa

E’ ancora più pesante il pesantissimo lavoro dei vigili del fuoco e dei volontari della Protezione Animali, quando i cittadini non collaborano.

Ieri un gabbiano reale è rimasto intrappolato per ore su uno stretto terrazzo all’ultimo piano di un edificio di via Martinengo a Savona, senza riuscire più a “decollare” per mancanza di spazio libero; avvertiti da alcuni passanti i volontari dell’Enpa hanno chiesto al proprietario dell’appartamento di farli accedere per recuperare il volatile; nel frattempo qualcuno si era anche rivolto ai vigili del fuoco che, in un momento di assenza di urgenze, sono intervenuti ma, anche ad essi, il proprietario ha negato tassativamente il passaggio attraverso l’appartamento, adducendo strane motivazioni.

Ai pompieri non rimaneva altro da fare che utilizzare l’autoscala per raggiungere il balcone dall’esterno ma, miracolosamente, mentre stavano operando il gabbiano, dopo infiniti tentativi è riuscito a salire sulla ringhiera ed a volare via. Ora Enpa e vigili del fuoco (che l’associazione non finirà mai di ringraziare per la collaborazione) stanno valutando una denuncia a carico del poco civile possessore del balcone.

Sono stati 745 (460 i giovani caduti dal nido) i gabbiani feriti o in difficoltà recuperati nel 2019 in tutta la provincia dai volontari dell’Enpa, su un totale di 3.033 soccorsi; un’attività immensa, portata avanti da pochissimi addetti e volontari, che non possono contare né sulla collaborazione  di tanti animalisti “a parole” né su un sufficiente aiuto della Regione Liguria; questa, che per legge dovrebbe organizzare i recuperi in modo adeguato, si limita ad erogare un contributo, ogni anno più ridotto malgrado l’enorme incremento degli animali soccorsi, che l’anno scorso ha coperto meno del 30% delle spese vive sostenute dall’Enpa savonese; in queste condizioni l’associazione rischia di dover prima o poi sospendere l’attività di recupero perché non riuscirà più a pagare veterinari, medicinali, mangimi, benzinai e manutenzione delle strutture di ricovero.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium