/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 08 agosto 2020, 05:15

Salute e sicurezza sul lavoro: conosciamo la ISO 45001

Ambienti sicuri, puliti, prevenzione degli infortuni, dispositivi di protezione personale: si parla di questo e molto altro ancora.

Salute e sicurezza sul lavoro: conosciamo la ISO 45001

Quando si parla di salute e sicurezza sul lavoro si tocca un tema molto importante e dibattuto. Le precauzioni per evitare infortuni e incidenti sul lavoro devono essere prese in maniera adeguata, così da garantire a tutti di lavorare in un ambiente che sia al contempo sano ma anche sicuro.

Del resto, l’incolumità fisica è una delle cose più importanti che ci siano ed è il datore di lavoro che deve garantire ai propri dipendenti che tutto sia predisposto in maniera tale da garantirla.

Ambienti sicuri, puliti, prevenzione degli infortuni, dispositivi di protezione personale: si parla di questo e molto altro ancora.

ISO 45001: di cosa si tratta

Quando si parla di tutela dei lavoratori sul posto di lavoro non si può che prendere in considerazione la ISO 45001 Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro. Questa norma mette in luce tutto quello che è necessario per assicurare ai lavoratori di lavorare in un ambiente sicuro.

La stessa sostituisce la OHSAS 18001. Le aziende interessate, quindi, dovrebbero capire in che modo ottenere la certificazione per la ISO 45001 e quali sono i vantaggi e gli svantaggi rispetto alla normativa precedentemente in vigore. Il consiglio? Quello di avere al proprio fianco degli esperti come quelli di Gruppo Maurizi che saranno in grado di individuare tutti gli step necessari per rendere l’azienda in regola con la normativa attualmente in vigore.

Passare dalla certificazione precedente a quella ISO 45001 potrebbe non essere semplice. Sarà necessario andare prima a inquadrare tutta la situazione dell’azienda per poi procedere con attenzione ad adeguare il sistema di protezione ai nuovi standard e alle nuove regole.

Si dovranno fare delle valutazioni preliminari al fine di individuare la soluzione migliore per essere in linea con le linee guida del momento. Non adempiere a tutto quello che viene indicato nella normativa attualmente in vigore comporta, infatti, delle sanzioni penali.

Ogni azienda che ha l’obbligo di migrare verso la certificazione ISO 45001 dovrà farlo nel migliore dei modi e in maniera corretta così da evitare errori e così da evitare di mettere a repentaglio la salute e l’incolumità fisica dei propri dipendenti. L’azienda, così facendo, ne acquisterà anche in termini di immagine e, soprattutto, in termini di fiducia da parte dei lavoratori che si sentiranno sicuri nel lavorare. Questo discorso è importantissimo soprattutto per quei lavori considerati a rischio.

Richy Garino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium