/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 03 dicembre 2020, 16:30

Applausi "rumorosi" in piazza della Concordia ad Albissola, il comune perde l'Appello e risarcisce la coppia della polemica acustica

L'amministrazione albissolese aveva fatto ricorso dopo la sentenza del Tribunale di Savona che li aveva condannati a limitare il numero degli spettacoli rumorosi e a concentrare le operazioni di allestimento/smantellamento non più a fine spettacolo

Applausi "rumorosi" in piazza della Concordia ad Albissola, il comune perde l'Appello e risarcisce la coppia della polemica acustica

Il comune di Albissola Marina dovrà risarcire con 12mila 200 euro i due proprietari dell'appartamento di piazza della Concordia.

Questa la decisione della Corte di Appello di Genova che ha respinto così il ricorso dell'amministrazione albissolese dopo che in Tribunale a Savona i titolari dell'abitazione lo scorso settembre 2017 avevano vinto la causa in merito alla diatriba nata per l’eccessivo rumore prodotto dagli spettacoli allestiti durante l’estate nella piazza presente nel cuore del paese.

La sentenza aveva enunciato regole importanti di valenza generale che potevano così essere applicate anche in altre situazioni analoghe. La querelle tra le due parti era sfociata, a luglio del 2017, in una protesta “silenziosa”, in cui il pubblico aveva ironizzato sulla faccenda esibendo cartelli con riportata la scritta “applausi”. (Leggi QUI).

Ma la questione era ben più profonda e ampia del semplice rumore prodotto dal battito delle mani, in quanto erano entrati in gioco diritti costituzionali e riconosciuti come inviolabili dalla Dichiarazione dei diritti dell’uomo: il diritto «al normale svolgimento della vita familiare – aveva recitato la sentenza del Tribunale di Savona – all’interno della propria abitazione e il diritto alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita quotidiane».

In seguito a perizie, era risultato che il rumore misurato (sia durante gli spettacoli, sia durante le operazioni di montaggio e smontaggio del palco) all’interno dell’appartamento, era dalle 3.5 alle 10 volte superiore al valore limite di tollerabilità (3 decibel oltre il rumore di fondo).

Un frastuono così alto «da impedire – si legge nella sentenza – una normale conversazione». L’esposizione a un rumore di questa portata, oltre a ledere diritti costituzionali e inviolabili dei residenti, rende quindi inadeguata l’abitazione allo svolgimento della vita personale e familiare, causando inoltre «frustrazione – si legge sempre nella sentenza - per l’impossibilità di ottenere una risposta al proprio disagio, in assenza di risposte adeguate da parte dell’ente preposto alla tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini».

I proprietari infatti si erano negli anni lamentati con il Comune chiedendo una riduzione della rumorosità, ma inutilmente, per cui si rivolsero all'avvocato ed hanno fatto causa al Comune.

Il Tribunale di Savona aveva condannato il Comune a limitare il numero degli spettacoli rumorosi (non più di cinque al mese, mentre prima erano una quindicina, e con termine entro le 23) e a concentrare le operazioni di allestimento/smantellamento del palco tra le 9 e le 14 e tra le 16 e le 20 e non più a fine spettacolo come in precedenza avveniva; inoltre ha condannato il Comune a risarcire i danni e pagare le spese legali e peritali.

"La sentenza di primo grado ci pone dei limiti nel numero di serate che possiamo organizzare - aveva dichiarato il sindaco di Albissola Marina, Gianluca Nasuti, ai nostri microfoni - noi stessi però avevamo già provveduto a limitare gli eventi. Abbiamo comunque impugnato la sentenza perché la riteniamo non corretta".

Il comune nonostante la sentenza aveva comunque deciso di continuare ad organizzare le manifestazioni in piazza seppur con delle limitazioni ed ha annunciato comunque che farà ricorso in Cassazione.

 

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium