/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 25 gennaio 2021, 18:15

Violenze fisiche nell'Rsa La Villa di Varazze, vicesindaco Pierfederici: "Azioni deplorevoli e da condannare"

Tre oss di 48,58 e 64 anni sono state arrestate questa mattina dalla guardia di finanza per maltrattamenti nei confronti degli ospiti della struttura

Violenze fisiche nell'Rsa La Villa di Varazze, vicesindaco Pierfederici: "Azioni deplorevoli e da condannare"

"L'argomento è delicato visto che si tratta di anziani e persone fragili, le indagini andranno avanti, lasciamo che gli inquirenti facciano il loro lavoro, se tutto poi fosse confermato sarebbe ovviamente un fatto grave e di sicura denuncia a livello umano e morale".

Il vicesindaco reggente Luigi Pierfederici è intervenuto in merito agli arresti effettuati questa mattina dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Savona, nei confronti di 3 operatrici socio sanitarie in servizio nella Rsa "La Villa" a Varazze.

I reati contestati alle tre donne, attualmente agli arresti domiciliari e che verranno interrogate dal Gip Alessia Ceccardi, tutte italiane di 48, 58 e 64 anni, riguardano diversi episodi di violenza e maltrattamenti nei confronti di più ospiti della struttura. 

"Le persone che  sono più in difficoltà devono essere maggiormente tutelate, è un tema da trattare con le dovute cautele, se queste azioni fossero confermate sono deplorevoli e da condannare" ha continuato Pierfederici.

I provvedimenti restrittivi sono stati disposti al termine di una complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Savona, dal Pm Chiara Venturi, e durata alcuni mesi, durante la quale sono stati documentati numerosi e reiterati episodi di violenze fisiche e verbali.

Dall'attività investigativa svolta, sono emersi bruschi strattonamenti dei pazienti durante le operazioni di pulizia personale e cambio degli abiti, fino ad arrivare a veri e propri schiaffi, accompagnati da insulti, minacce e imprecazioni proferiti dalle tre operatrici, cui corrispondono grida di dolore, pianti e implorazioni delle vittime.

Molto spesso, durante l’orario di lavoro, gli anziani pazienti erano lasciati incustoditi, senza che venissero soddisfatte le loro reiterate richieste di assistenza, attivate dagli ospiti anche attraverso i campanelli presenti nelle vicinanze dei letti.

Gli inermi anziani venivano anche minacciati di essere lasciati senza i pasti, fino al rischio di essere legati al letto e percossi, solo per aver “disturbato” le operatrici con le loro richieste di assistenza, peraltro più che legittime e pienamente rientranti nei doveri lavorativi delle tre arrestate. Le condotte contestate alle arrestate sono di assoluta gravità e durezza, prive dei più elementari sentimenti di umana compassione.

Comportamenti per i quali l’autorità giudiziaria ha contestato inoltre l’aggravante dell’abuso di prestazione d’opera e della minorata difesa delle vittime, molte delle quali non autonome a causa delle infermità che le affliggono.

Oltre all’esecuzione delle misure cautelari, sono in corso, inoltre, le perquisizioni delle abitazioni in Genova, Varazze e Savona delle tre operatrici, per ricercare ulteriori elementi di prova ed acquisire le cartelle cliniche di alcuni ospiti della struttura, anche in previsione di possibili ulteriori sviluppi investigativi.

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium