/ Politica

Politica | 01 dicembre 2021, 12:55

Borghetto, l'odg della Lega sulla riforma del catasto non convince la minoranza: "Si perora una causa non equa"

Da "Borghetto Domani" dura critica: "Serve una soluzione equa e moderna sul patrimonio immobiliare, con una rivalutazione delle vecchie e proficue rendite catastali ai valori di mercato"

Borghetto, l'odg della Lega sulla riforma del catasto non convince la minoranza: "Si perora una causa non equa"

"L’ordine del giorno della maggioranza rappresenta una situazione irreale".

Lo afferma il gruppo di opposizione "Borghetto Domani" riferendosi alla riforma del Catasto presentata attraverso un ordine del giorno del consigliere quota Lega, Paolo Antonio Erre, nella quale si prevede "una diminuzione delle imposizioni fiscali; un'opposizione al progetto governativo in quanto ritenuto foriero di aumenti soprattutto sulle seconde case e causa di compromissione del welfare delle famiglie per i supposti aumenti impositivi" spiegano dalla minoranza.

"I populisti pensano, sempre e comunque, che le imposte debbano essere ridotte per tutti, in realtà l’attuale Catasto fotografa una situazione diversa: l’ultima rivalutazione delle rendite è stata fatta nel 1997, peraltro in maniera molto discutibile, con un aumento del 5% indiscriminato per tutti!" affermano.

"E’ bene ricordare che, a differenza di quanto dichiarato nell’ordine del giorno, chi ha rendite di vecchia data gode di valutazioni privilegiate rispetto a chi ha immobili con valutazione recente vicina ai valori di mercato - aggiungono dai banchi della minoranza - Una revisione pertanto è necessaria per motivi di equità ed efficienza, anche se ci sono formazioni politiche che ritengono il catasto intoccabile per motivi squisitamente elettorali (come il caso dei ministri leghisti che hanno abbandonato la discussione nel governo)".

"Il progetto governativo prevede una indagine conoscitiva sul Catasto senza nessun aumento impositivo nel periodo di verifica che si concluderà nel 2026. L’analisi si è resa necessaria in quanto pare esistano circa un milione di abitazioni non registrate (quindi abusive). Sono circa 2,1 milioni gli immobili presenti in catasto ma non riscontrati nelle dichiarazioni dei contribuenti. L’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, che fornisce in tempo reale una valutazione dell’immobile (sia del valore commerciale che di affitto) potrebbe risolvere il problema, ma, ad ora, non è stata fatta una proposta in questo senso" proseguono da "Borghetto Domani".

"I consiglieri di maggioranza presenti hanno votato in maniera compatta a favore dell’ordine del giorno, perorando così la causa dei proprietari di seconde case, in particolare quelli di Roma e Venezia – citati nel documento - che, a parer loro, vengono vessati in maniera ingiusta dal fisco. La minoranza ha espresso voto contrario. Nessuno ha però replicato e contestato quanto affermato dal sottoscritto, ovvero la necessità di una soluzione equa e moderna sul patrimonio immobiliare, con una rivalutazione delle vecchie e proficue rendite catastali ai valori di mercato: evidentemente sono diventati tutti leghisti, l’unico consigliere di Fratelli d’Italia era assente giustificato!" conclude il capogruppo Giancarlo Maritano.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium