/ Attualità

Attualità | 08 dicembre 2021, 18:50

Celle: da via Colla ai Ferrari, due km di presepe che racconta la storia del paese (FOTO e VIDEO)

Al tempo del Coronavirus la tradizione cellese cerca di regalare un'atmosfera natalizia particolare fino alla fine delle festività

Celle: da via Colla ai Ferrari, due km di presepe che racconta la storia del paese (FOTO e VIDEO)

Quando pensi a un Presepe ti aspetti le classiche statuette della natività, i pastori e le pecore, a Celle non è così, la frazione dei Ferrari si è accesa oggi, 8 dicembre, alle 18.30, in un misto tra simbologia, ricordo, tecnica e fantasia.

La salita che parte dalla chiesa di San Michele non pesa, già da via Boagno, via Colla e nella "riunda" davanti alle poste si inizia a intravvedere quello che potrà essere, in ogni angolo della strada si scorgono queste figure costruite da luci, canne di bambù e fascette, ognuno con una storia diversa, pastori, animali (mucche, maiali, cani, pecore), contadini, raccoglitori di olive.

Il Comitato San Lorenzo da circa 14 anni ha messo insieme questa affascinante iniziativa (tra i pionieri dell'iniziativa Gigi Ferro) e ogni anno si riunisce qualche mese prima per iniziare a allestire le figure. Ma come si creano le sagome? Le canne di bambù vengono trovate sul territorio e seccando diventano leggere da trasportare, gli operai del comune aiutano nel taglio e poi gli organizzatori preparano i disegni molto semplici e lineari, creandoli di tutte le dimensioni, aggiungendo durante gli anni gli occhi e la bocca e rendendoli sempre più viventi.

La particolarità è che le sagome i primi anni risultavano appese principalmente nelle case degli organizzatori o dei vicini, al momento invece sono sparse per tutte le frazioni e il paese, per una richiesta che è arrivata persino a 180 immagini anche fuori dalla zona, vengono praticamente adottate, tutte raccontano una storia particolare, una somiglianza, i mestieri di chi le richiede.

Il viaggio nella frazione intanto procede e si arriva a destinazione, fermandosi qualche metro prima della Cappella di San Lorenzo, conclusione del tour delle figure illuminate.

Nella piazza sottostante, non si può non notare un giardino che sembra proprio la zona adatta per la stalla di Betlemme e nella quale si estende il presepe illuminato, ci sono tutti, nessuno escluso: la Natività, i Re Magi, i pastori, gli angeli, la stella cometa, l'elefante.

"Quest'anno i telai sono stati realizzati dagli Alpini di Celle e gli operai comunali hanno sistemato le vie del centro insieme ad un gruppo di volontari (Annamaria, Giovanni, Mariapaola, Maria Rosa, Rossana, Caterina, Camilla e Andrea). Le nuove figure e le riparazioni sono state eseguite da Annamaria e Rossana" ha detto il sindaco Caterina Mordeglia.

Il presepe sarà visitabile fino al 7 gennaio.

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium