/ Politica

Politica | 14 gennaio 2022, 10:55

Chiarimenti sull'ammissibilità dei parcheggi a servizio del Conad in zona Vignasse: Nuova Grande Loano presenta interpellanza

"I posteggi a raso non rispettano le norme" commenta la capogruppo Isella

Chiarimenti sull'ammissibilità dei parcheggi a servizio del Conad in zona Vignasse: Nuova Grande Loano presenta interpellanza

La lista Nuova Grande Loano ha depositato una nuova interpellanza, chiedendo al sindaco di Loano, e alle figure competenti interessate, ulteriori chiarimenti sulla ammissibilità dei parcheggi a servizio del Conad in zona Vignasse.

"Non vorrei che passasse il messaggio di un nostro accanimento verso un’attività produttiva del territorio - puntualizza Luana Isella, capogruppo di Nuova Grande Loano- Anche se non condividiamo la scelta imprenditoriale, non è questo il nostro campo d’azione, e sarà il tempo a dire se le nostre perplessità avevano o meno ragione d’essere".

"Ciò su cui invece non possiamo, non dobbiamo e non vogliamo tacere sia da un punto di vista politico, che da un punto di vista tecnico, visto la mia professione, riguarda il percorso tecnico che ha portato il comune di Loano a permettere la realizzazione di questo nuovo supermercato in una zona ad elevata pericolosità idraulica - prosegue Isella - Mi spiego meglio: la struttura realizzata per ospitare il Conad delle Vignasse si trova in piena Fascia di Inondabilita’ Idraulica di tipo A (la più pericolosa), senza che siano state messe in opera azioni di mitigazione del rischio stesso, se non quella di alzare le quote del fabbricato. Già questo aveva fatto esprimere la contrarietà al progetto dei consiglieri del Gruppo Misto, del Pd e di LoaNoi nel dicembre 2020 quando ne iniziò l’iter urbanistico relativo". 

"Ma ben più importante sono stati realizzati dei parcheggi a raso, che in fascia A non sono per legge consentiti. Ed esistono ben due sentenze che testimoniano ciò: la sentenza del TAR Liguria N. 00590/2019 e successivamente quella del Consiglio di Stato N. 03581/2021 Eventuali deroghe possono essere eventualmente considerate laddove un progetto preveda “l’assunzione di azioni e misure di protezione civile” e sia corredato dal parere positivo della Provincia (ora Regione Liguria). Ma nel caso dei parcheggi nella zona prospiciente al supermercato delle Vignasse, il parere positivo da parte della Regione non c’è. E non è una mancanza da poco”

"Ormai è noto quanto sia difficile oggi che una pratica edilizia proceda in modo lineare e senza intoppi il proprio iter per le numerose leggi che regolano il comparto urbanistico e per le numerose interpretazioni, e spesso succede per realizzare strutture o variazioni molto meno impattanti del nuovo supermercato - continua la capogruppo di Nuova Grande Loano, Luana Isella - Credo sia doveroso da parte di un’amministrazione pubblica applicare tali leggi in maniera coerente e trasparente nei confronti di tutti i soggetti proponenti, chiediamo quindi al sindaco Lettieri  e all’assessore all’Urbanistica di spiegarci come mai il comune abbia messo in convenzione questi parcheggi, che risultano essere opere non ammissibili secondo le normative vigenti, e per quale motivo la mancanza di un documento fondamentale come il parere positivo da parte della Regione non abbia interferito con la realizzazione, in tempi sorprendentemente rapidi, di queste opere".

"Qui come sempre detto non sono solo in ballo temi commerciali, per altro siamo sempre in attesa di vedere un piano commerciale a Loano, ma qui è in gioco la sicurezza dei cittadini e di tutti i fruitori di tale struttura" conclude. 

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium