/ Pietrese

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Pietrese | giovedì 23 luglio 2015, 11:58

La Cina nuova frontiera del turismo: Pietra Ligure verso il gemellaggio con Ganzhou

La cittadina, che conta 11 milioni di abitanti, basa la sua economia sull'istruzione mineraria e sull'agricoltura, in particolare sulla produzione di arance

Pietra Ligure verso il gemellaggio  con la città  cinese  di Ganzhou. "Sì tratta  di un'importante  occasione turistica per la nostra città, ha commentato  il sindaco  Dario Valeriani. Ogni anno dalla Cina partono 80 milioni di turisti, di cui 4 milioni di ragazzi  di fascia medio-alta desiderosi di imparare l'inglese e l'italiano.  Per Pietra Ligure  rappresenta  una grandissima opportunità". Ganzhou è  gemellata con Canelli, cittadina conosciuta  in tutto il mondo per il suo spumante, nel 2012 eletto Patrimonio dell"Umanita' Unesco. Ad aprile alcuni delegati del comune di Pietra si sono recati  nelle cittadina piemontese  per gettare  le basi per un gemellaggio  a tre, puntando sul binomio tutto italiano cibo e mare. In questi giorni alcuno delegati cinesi hanno avuto la possibilità  di ammirare  le bellezze del nostro  territorio, da Finalborgo a Portofino, e gustare i nostri prodotti tipici.

Ganzhou  conta 11 milioni di abitanti e basa la sua economia sull'istruzione mineraria e sull'agricoltura, in particolare  sulla produzione di arance. Dopo  la Florida sono tra i maggiori coltivatori.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore