/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 15 maggio 2018, 08:10

Tassa di soggiorno: il Tar da' ragione al comune di Alassio, imposta legittima

Berrino: "Un ricorso forse più condizionato dal clima di campagna elettorale che da reale fondamento”.

“Accolgo con soddisfazione la decisione del Tar della Liguria di respingere la richiesta di sospensiva del provvedimento del Comune di Alassio che, aderendo al Patto per il turismo, ha introdotto l'applicazione dell'imposta di soggiorno: un ricorso forse più condizionato dal clima di campagna elettorale che da reale fondamento”. È il commento dell'assessore regionale al Turismo Gianni Berrino in merito alla pronuncia, di queste ore, del Tar della Liguria, che ha rigettato la richiesta di annullamento, presentata dall'Associazione Albergatori di Alassio e alcuni hotel, della delibera del Comune di Alassio, del 28 dicembre 2017, sull'applicazione dell'imposta di soggiorno, prevista dal Patto per il turismo di Regione Liguria.

“Anche i tribunale amministrativo della Liguria – continua l'assessore Berrino – ha dato ragione a Regione e all'amministrazione comunale del sindaco Canepa. L'imposta di soggiorno, prevista dal Patto per il turismo e lasciata a discrezione dei singoli Comuni nell'applicazione, è una risorsa importante per le amministrazioni locali che da essa possono trarre quelle risorse indispensabili per la promozione del proprio territorio e per rendere sempre più efficienti i servizi al turista. Ora auspico che albergatori e rappresentanti del settore turistico del territorio facciano squadra, nell'interesse del territorio”.

Sul punto commenta anche il sindaco Enzo Canepa : “Il Tribunale Amministrativo Regionale della Liguria ha dato ragione alla nostra Amministrazione Comunale sull’imposta di soggiorno, negando la richiesta di sospensiva presentata su iniziativa del consigliere Angelo Galtieri e di alcuni albergatori.
L’ennesima brutta figura del consigliere Angelo Galtieri, che ancora una volta ha dato prova di impreparazione e scarsa conoscenza dei provvedimenti del nostro comune. E spiace che l’associazione albergatori di Alassio, a dispetto di quanto mi aveva garantito personalmente il loro presidente Macheda, sia tornata sui suoi passi per farsi trascinare in questo ricorso, andando contro anche agli
accordi raggiunti a livello provinciale dalla loro stessa associazione.
Esprimo soddisfazione: la nostra delibera era del tutto legittima e, ancora una volta, così come per il ricorso per i parcheggi di qualche settimana fa, i fatti dimostrano che abbiamo agito nel giusto, in maniera corretta, nell’interesse del territorio. Come ha affermato l’assessore regionale Berrino, l’imposta di soggiorno è un’opportunità per la Liguria, noi l’abbiamo promossa sedendoci al tavolo con i vertici provinciali degli albergatori, e porterà molti benefici ai
cittadini di Alassio. Ci aspettiamo che Galtieri e i suoi nuovi alleati riconoscano di aver preso un’altra cantonata pazzesca”. Così conclude Enzo Canepa, Sindaco di Alassio e candidato Sindaco della lista “Canepa Sindaco”, in merito alla decisione del TAR Liguria di respingere la richiesta di sospensiva per il provvedimento sulla imposta di soggiorno.

M.C.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore