/ Attualità

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 22 novembre 2018, 19:28

Piaggio: arriva la richiesta di amministrazione straordinaria, Pasa (CGIL): "Governo agisce in modo doloso o per incapacita? Gravissimo in entrambi i casi"

“A questo punto si anticipi l'incontro previsto per inizio dicembre e si dica chiaramente ciò che intende fare”

Piaggio: arriva la richiesta di amministrazione straordinaria, Pasa (CGIL): "Governo agisce in modo doloso o per incapacita? Gravissimo in entrambi i casi"

“Erano proprio queste le nostre preoccupazioni e trovo davvero assurdo che a due giorni dall’incontro al Mise questa sia la nota che arriva dalla Piaggio". Con queste paroleAndrea Pasa segretario CGIL commenta la decisione comunicata questa sera da Piaggio Aerospace di presentare formale istanza per accedere alla procedura di amministrazione straordinaria (cosiddetta Legge Marzano), considerato lo stato di insolvenza della società (LEGGI QUI).

Continua Pasa: "O c’è un atteggiamento doloso da parte del Governo o c’è una totale incapacità di gestire una trattativa e forse è ancora più grave. Il Capogabinetto e il Sottosegretario ci avevano garantito che tutto sarebbe rimasto fermo almeno fino al prossimo incontro al Mise ed invece così non è stato". 

La richiesta è quindi quella di anticipare l'incontro previsto per inizio dicembre. "A questo punto si anticipi l'incontro previsto per inizio dicembre e si dica chiaramente ciò che intende fare" afferma infatti Pasa. 

Inoltre si chiede una presa di posizione forte anche da parte delle istituzioni, della Politica e della Regione: Auspico che la Regione, il presidente Toti si facciano sentire a difesa e a salvaguardia delle produzioni e dell'occupazione dei tre stabilimenti presenti in Liguria - conclude Pasa - I parlamentari savonesi e liguri  della Lega e dei 5 Stelle cosa dicono? Rappresentano il territorio oppure no? Al Ministero non si sono neppure presentati (ad esclusione del parlamentare Ripamonti). Ora mettano in campo ciò che hanno detto e scritto nel verbale di riunione: garantire gli attuali livelli occupazionali, le attuali produzioni attraverso l'intervento del Governo all'interno della Società per mettere in sicurezza la società stessa e quindi progettare il futuro di questa fondamentale impresa Ligure. Contrariamente saranno responsabili di ciò che accadrà". 

Afferma Lorenzo Ferraro (CGIL): "Una amministrazione straordinaria non è la morte di nessuno, per il momento, è chiaro che quello che non hanno fatto prima lo devono fare adesso, quindi 776 milioni di euro di finanziamento previsto che rappresentava il futuro ora deve rappresentare il presente perchè se no il futuro non lo abbiamo. Dopodichè dobbiamo andare avanti con una amministrazione straordinaria in continuità e questo Governo deve fare vedere che è capace a salvare le aziende. Gli arabi sono scappati perchè non è stato mantenuto quello che gli era stato promesso, in primis la commessa. A fine 2017 la proprietà aveva ricapitalizzato a fronte di un impegno del nostro Paese di portare avanti un progetto congiunto. Non c'è stato nulla e questo è il risultato. Adesso il Governo deve intervenire con la commessa e poi con Finmeccanica, con il progettoLeonardo, Cassa Deposito e Prestiti o chi vogliono, se no hanno loro sulla coscienza 1200 persone più l'indotto e i creditori Piaggio. Hanno assassinato questa azienda". 

Paola Boetto, RSU Piaggio: "Oggi alle 12,00 ci avevano chiesto la disponibilità per fare degli straordinari. Dato l'incontro al Mise volevamo mantenere un clima aperto e distensivo e dato che le cose dovevano essere bloccate fino a dicembre avevamo dato la disponibilità di 51 lavoratori. In serata questa notizia che letteralmente ci sconvolge. Adesso valuteremo il da farsi e chiediamo il sostegno da parte dei parlamentari e del territorio". 

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium