/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 07 maggio 2013, 17:29

Maricone e Becce lasciano la presidenza di TPL e ACTS

"Decisione dovuta a nuovi impegni professionali, orgogliosi di aver risanato una situazione difficile"

Maurizio Maricone, presidente dimissiionario di TPL Linea

Maurizio Maricone, presidente dimissiionario di TPL Linea

La prima Assemblea dei Soci sotto la nuova gestione dei presidenti Maurizio Maricone e Luca Becce, allora consiglieri di amministrazione, si riuniva ad aprile del 2007 con l’obiettivo strategico di restituire centralità al trasporto pubblico locale e garantire la tendenziale economicità dell’allora ACTS Linea che ereditava, al tempo, una difficilissima situazione economica, finanziaria e gestionale.

Da allora il cammino intrapreso ha realizzato l’ottimizzazione della struttura aziendale, la fusione delle due società operative Acts Linea - SAR Tpl e l’adozione di interventi sistematici volti a consolidare la struttura e l’operatività aziendali. Il processo di fusione, attivato nel settembre 2009, ha visto l’incorporazione definitiva delle società in TPL Linea nel luglio 2010. Il risultato, raggiunto in tempi brevissimi, ha permesso la razionalizzazione  delle procedure, l’adozione di un unico sistema informatico contabile e commerciale, la ricontrattazione in termini più vantaggiosi per l’azienda delle coperture assicurative e delle forniture comuni e l’attivazione di un nuovo sistema tariffario.

Nel mese di maggio 2013 i Consigli di Amministrazione hanno portato a termine il percorso intrapreso nel 2009 con la fusione delle due capogruppo ACTS Spa e SAR Spa, demandando agli Enti soci il completamento del percorso con le delibere necessarie.

“Acts, Ata, Ava e TPL Linea, hanno rappresentato un’esperienza davvero eccezionale sia dal punto di vista professionale che da quello umano  – ha detto il Presidente, Maurizio Maricone -. Ho sempre considerato che il mio impegno nelle società pubbliche fosse a termine, e che dopo sei anni di lavoro nell’azienda di trasporti, un anno in Ata Spa e tre nella società Ava Spa il mio impegno debba interrompersi per dare spazio a chi possa dedicare a queste aziende tutte le proprie energie. Mi chiamano nuovi e importanti impegni nella vita professionale e imprenditoriale.

La caratteristica dei miei incarichi – ha proseguito Maricone - è sempre stata la partenza da situazioni che non lasciavano presagire grandi possibilità di sviluppo e crescita per società che erano state in tutto o in parte consunte sia economicamente che dal punto di vista organizzativo.

Il mio lavoro e credo il risultato migliore è stato raggiunto in TPL.  Grazie all’impegno delle persone che, insieme a me, si sono succedute alla guida di questa società e del gruppo di lavoro composto dai dipendenti stessi è stato possibile giungere al risultato odierno: ovvero quello di lasciare una società di trasporti economicamente sana, finanziariamente solida e con una struttura dinamica e fortemente determinata.

L’azienda di trasporti che oggi lascio é una struttura efficiente, perfettamente in grado di potersi reggere sul mercato e certamente in grado di proseguire lungo il cammino intrapreso, fatto di consolidamento, serietà e ricerca continua di miglioramento dei propri servizi. 

Ringrazio pubblicamente tutti coloro che hanno avuto fiducia nel mio operato e soprattutto tutti coloro che in questi anni hanno vissuto al mio fianco momenti a volte belli e a volte brutti ma sempre entusiasmanti e affascinanti.

Auspico che il segno lasciato possa essere continuato e arricchito con forza e determinazione da coloro che mi succederanno ai quali vanno i miei migliori auguri di buon lavoro.” 

“Condivido pienamente il pensiero che i ruoli nelle aziende pubbliche  - ha detto il Presidente di ACTS Spa, Luca Becce - debbano essere a termine. Ritengo che il mandato che ci fu affidato nel 2007 abbia raggiunto completamente gli obiettivi prefissati: ovvero la ‘salvezza’ economica del gruppo ACTS (Spa e Linea) e il rafforzamento della proprietà pubblica nel comparto del trasporto pubblico locale attraverso il compimento dei processi di unificazione di ACTS e SAR. Processi interamente compiuti, di cui quello fra le società ACTS Linea e SAR Tpl totalmente esaurito, e l’altro, quello delle capogruppo, che necessita solo dell’atto finale, ovvero deve essere sancito dagli Enti proprietari.

Ritengo – ha proseguito il Presidente Becce – che sia giusto che l’azienda possa proseguire il suo cammino partendo dalla situazione odierna, ben diversa da quella del 2007. Oggi restituiamo agli Enti proprietari la scelta di affidare a nuovi amministratori la conduzione e lo sviluppo di TPL. 

Anche per quanto mi riguarda si tratta di una scelta personale derivante da impegni importanti di lavoro che spesso mi portano fuori Liguria e che non mi permetterebbero più di dedicare il tempo che sarebbe necessario e doveroso ad un’azienda come quella che oggi saluto e, soprattutto, ai suoi lavoratori”. 

c.s.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium