/ Attualità

Attualità | 09 maggio 2020, 10:06

Squalo elefante muore impigliato nella rete di un pescatore al largo di Varazze: la denuncia dell'Enpa

"Nel cosiddetto 'Santuario Pelagos' del mar Ligure, una pura espressione geografica che, a trent'anni della nascita, non contiene una sola norma efficace di tutela della fauna marina" aggiungono dall'Enpa

Foto comunicato stampa

Foto comunicato stampa

"Ennesimo animale marino protetto, (uno squalo elefante)  ed in via di pericolosa rarefazione morto impigliato nella rete di un pescatore (che peraltro ha dato subito l’allarme senza riuscire purtroppo a salvarlo) al largo di Varazze, nel cosiddetto "Santuario Pelagos" del mar Ligure, una pura espressione geografica che, a trent'anni della nascita, non contiene una sola norma efficace di tutela della fauna marina!". La denuncia arriva dall'Enpa Savona. 

"La Protezione Animali savonese, sconfortata, denuncia che di vietare le reti di materiale plastico, recuperare quelle perdute o abbandonate che pescheranno ancora per 1.000 anni sui fondali, limitare davvero la pesca professionale e abolire certe forme di pesca sportiva (nasse e palangari), consentire ai pescherecci di scaricare a terra la plastica finita nelle reti a strascico, etc., neppure se ne parla". 

"Il presidente della regione Toti, dopo aver riaperto dal 27 aprile la pesca sportiva su moli, banchine e pennelli dalle 6 alle 22 (e la caccia di selezione al capriolo maschio) sta invece pensando di ampliare l'orario: a qualche suo elettore con la canna non va ancora bene - conclude - Addio, giovane femmina di squalo elefante, che tristezza".

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium