/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 22 maggio 2020, 11:00

Savona, da luglio il Tribunale riapre gradualmente allo svolgimento ordinario delle udienze penali e civili

Tutte le disposizioni del presidente del Palazzo di Giustizia Lorena Canaparo

Savona, da luglio il Tribunale riapre gradualmente allo svolgimento ordinario delle udienze penali e civili

Il Tribunale di Savona riprenderà la celebrazione delle udienze penali, sempre a porte chiuse a luglio.

Questa la decisione del presidente del Palazzo di Giustizia Lorena Canaparo che ha inoltre stabilito di assumere diversi provvedimenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID 19 ed in particolare per ridurre al minimo le forme di contatto personale che favoriscono il propagarsi della epidemia.

Ci sarà così un ritorno, graduale, alla gestione ordinaria delle udienze civili e penali che continueranno comunque ad essere celebrati a porte chiuse.

I procedimenti civili potranno essere tenuti utilizzando collegamenti da remoto, trattazione scritta e la presenza fisica delle parti. I giudici con il provvedimento di rinvio o di fissazione della udienza nell’organizzare la calendarizzazione dei processi si atterranno per le prime due modalità a quanto indicato nelle linee guida di dettaglio del Presidente della sezione civile.

"Gli incombenti per ciascuna udienza devono essere fissati ad orari rigidamente scaglionati, seguendo le indicazioni degli orari e delle aule contenute nella variazione tabellare del 27.04.2020. Nel programmare le fasi processuali con il calendario del processo particolare attenzione dovrà essere prestata dai giudici alla organizzazione della attività delegata ai giudici onorari con conseguente fissazione degli incombenti per ogni singola udienza ad orari rigidamente scaglionati alla mattina ed al pomeriggio. I giudici civili, togati ed onorari, qualora non sia possibile la trattazione della causa per il numero delle parti nella aula assegnata, provvederanno con congruo anticipo a chiedere l’assegnazione di aula diversa alla segreteria della presidenza ed, all’uopo, se necessario, modificheranno il giorno di udienza" viene spiegato nelle disposizioni del presidente Canaparo.

Le udienze penali saranno invece tenute seguendo la modalità ordinaria con calendarizzazione ad orari rigidamente scaglionati, con possibilità di ricorrere nei casi consentiti alle videoconferenze o a collegamenti da remoto individuati e regolati con provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia.

Nel mese di luglio i procedimenti civili e penali dell’Ufficio del Giudice di pace saranno tenuti seguendo la modalità ordinaria e le stanze ed i locali che hanno ventilazione diretta verso l’esterno dovranno venire ventilati periodicamente durante la giornata, soprattutto a seguito di eventuale presenza contemporanea di persone all’interno della stanza. I magistrati invece che effettueranno udienze all’interno delle proprie stanze potranno ricevere un numero di persone tale da consentire sempre il distanziamento sociale di almeno 1 metro.

Fino al 31 luglio l'accesso al Palazzo di giustizia è consentito tramite un controllo della temperatura corporea delle persone (utenti esterni e interni) e verrà eseguito dalle guardie giurate all'ingresso del palazzo di giustizia con il consenso dell'interessato e nel rispetto della privacy. Nel caso in cui si dovesse rilevare una temperatura corporea superiore a 37°,5 non sarà consentito l'accesso. Gli utenti interni ( Magistrati togati ed onorari, personale amministrativo) inoltre che passano dalla autorimessa devono recarsi primariamente presso il posto di guardia al piano zero per la misurazione della temperatura.

L'accesso al Tribunale è consentito solo a coloro che indossano mascherine protettive chirurgiche e l'accesso dell'utenza a tutte le cancellerie\segreterie e a tutti gli uffici è limitato esclusivamente alle persone che sono state convocate per ragioni di giustizia e che devono svolgere attività urgenti, non procrastinabili e non effettuabili in via telematica.

La selezione degli ingressi verrà curata dal personale dell'istituto di vigilanza ed in nessun caso deve essere consentito l'ingresso di soggetti diversi dal personale e dai magistrati senza che sia stato verificato il diritto ad accedere ai locali (tramite prova documentale dell'appuntamento fissato presso gli sportelli o dell'orario di udienza).

Tutti i soggetti in ingresso, compresi magistrati e personale amministrativo degli uffici del Palazzo di Giustizia di Savona, dovranno sottoporsi alla sanificazione delle mani mediante l'apposito gel disponibile in portineria e all'interno dovranno mantenere le distanze previste, evitando ogni forma di assembramento.

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium