/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 14 gennaio 2021, 07:40

Finale, quasi 250 firme per chiedere un orario più ampio per la posta di Gorra

Verranno consegnate dalla Pro Loco locale al sindaco Frascherelli perché si faccia portavoce presso la Direzione Regionale delle istanze degli utenti

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Divieti, limitazioni e restrizioni varie non hanno ostacolato la ferma volontà dei cittadini di Gorra e Olle, e non solo, di far sentire la propria voce per tornare ad avere un ufficio postale più vicino alle esigenze della popolazione, specialmente nell'orario.

Nonostante le difficoltà poste dalle misure per contrastare il Covid nel periodo natalizio, la raccolta firme promossa dalla Pro Loco locale è riuscita in nemmeno un mese a raccogliere 249 firme che saranno consegnate al sindaco di Finale Ugo Frascherelli per farsi portavoce delle richieste dell'utenza con la direzione regionale dell'azienda controllata da Cdp.

Un "concreto appoggio" affinché il primo cittadino possa richiedere "che sia almeno ripristinato il servizio di tre giorni settimanali" e possibilmente che venga installato un Postamat. 

Come tutti gli uffici periferici, e come ricorda il testo della petizione (leggi QUI), anche quello in questione "svolge un importante servizio per le due importanti frazioni di Gorra e Olle, ma anche per Canova, Melogno e per le numerose attività turistiche e commerciali sorte nel comprensorio".

Una domanda crescente di fronte ad un servizio che, invece, in seguito al primo lockdown della scorsa primavera ha visto un ulteriore taglio, dopo quelli già effettuati negli scorsi anni, con l'orario di apertura ridotto da tre a un solo giorno a settimana. Il tutto causando lunghe file e gravi disservizi, specialmente per la popolazione anziana.

"E' sotto gli occhi di tutti il disagio creato dalla chiusura dell'ufficio postale di Finalpia che ha oberato l'ufficio di Finalmarina, e ridurre la funzionalità di altri uffici periferici non può altro che aggravare la situazione dell'ufficio centrale" ricordano i promotori della raccolta firme.

Eppure una risposta a tale problematica era già giunta al sindaco Frascherelli, come da lui stesso comunicato durante un consiglio comunale, da parte dei dirigenti regionali delle Poste, la quale non lasciava presagire alcuno sviluppo positivo per quanto riguardava l'estensione dell'attuale orario.

Ma l'auspicio dei firmatari, nonostante tutto, è che "la Direzione Postale non segua l'unico obiettivo di chiudere gli uffici periferici, senza tener conto della loro redditività, dell'importanza sociale che rivestono e dell'indispensabile servizio che svolgono per la popolazione", facendo sentire la propria voce nella speranza "che una volta tanto prevalga il buon senso e l'interesse dei cittadini".

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium