/ Politica

Politica | 20 ottobre 2021, 13:36

Carcare, lavori sul Bormida al centro delle critiche della minoranza: "Si spende in opere inutili e a volte dannose"

La nota diramata da Rodolfo Mirri, capogruppo di "Impegno per Carcare"

Carcare, lavori sul Bormida al centro delle critiche della minoranza: "Si spende in opere inutili e a volte dannose"

"I cittadini carcaresi si sono ormai abituati alle quotidiane esternazioni giornalistiche del sindaco De Vecchi con cui vengono preannunciate rivoluzionarie e strabilianti iniziative (con oneri a carico del contribuente!) che poi non vengono realizzate o, peggio, con stanziamenti mal spesi che peggiorano le situazioni esistenti". Cosi commenta in una nota Rodolfo Mirri, capogruppo di "Impegno per Carcare". 

"Non è chiaro se si tratta soltanto di costante propaganda elettorale o se sono altre le motivazioni per proporre spese inutili e non funzionali alle esigenze del nostro comune. Chiaro esempio sono i lavori per la presunta “messa in sicurezza del fiume Bormida” con la proposta di devastazione della zona di via Abba quando anche le recenti cospicue piogge hanno dimostrato, come da noi sempre sostenuto, che il “percorso di riordino” del fiume ha ben altre priorità che non sono in quella zona". 

"Da mesi e mesi abbiamo sollecitato De Vecchi alla pulizia del fiume nella zona posta a monte delle passerelle pedonali, fra l’altro opere tecnicamente fuori legge, cosa avvenuta soltanto dopo la recente piena che infatti ha creato problemi soltanto in prospicienza delle passerelle e nessun problema in adiacenza a via Abba" aggiunge Mirri. 

"Registriamo ormai da mesi un cantiere in quella zona che ha creato, come facilmente prevedibile, molti disagi e chiusura al traffico anche con la cervellotica e pericolosa circolazione di via Brigate Partigiane regolata con un semaforo da cantiere, la perdita di numerosi parcheggi in piazza Caravadossi e dintorni e la “chicca” degli scavi che hanno fatto crollare il muro di sostegno della bretella che sale al distributore sovrastante, sempre in funzione della necessità palesata da De Vecchi di spendere in quell’opera inutile e dannosa oltre un milione di euro per non dimenticare anche i lavori di via XXV Aprile (pista ciclabile e marciapiede pedonale) da oltre un anno non finiti ma pericolosi per la popolazione". 

"Sono anni che Bologna prima e De Vecchi dopo stanno sciupando i soldi dei contribuenti letteralmente buttati nel fiume senza costrutto; ricordate le famose “anse” distrutte dalle prime piogge, poi cocciutamente rifatte e nuovamente durate pochi mesi?; gli “artistici massi” costati un patrimonio che ora occupano il fiume e non si sa che farne e dove posizionarli? Si sappia che tutto questo è costato ai contribuenti oltre 350 mila euro - conclude - Questa non è propaganda è la realtà inconfutabile dei fatti, la storia del degrado di Carcare, e la narrazione può continuare". 

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium