Leggi tutte le notizie di A PROPOSITO DI... ›

Politica | 29 novembre 2021, 15:24

Cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, conferito il Sigillo d'Argento al generale Aiosa

Il carabiniere in congedo è stato il promotore dell'iniziativa che finora ha visto aderire 230 comuni liguri

Cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, conferito il Sigillo d'Argento al generale Aiosa

Questa mattina il presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei ha conferito al generale di corpo d’Armata dei carabinieri in congedo Rosario Aiosa il Sigillo d’argento dell’Assemblea legislativa.

Il massimo riconoscimento del Consiglio regionale è stato attribuito all’alto ufficiale per avere ideato e attuato, in qualità di presidente del Gruppo Medaglie d’oro al valor Militare d’Italia, il progetto “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia”.

Il riconoscimento è stato attribuito in una cerimonia, che si è svolta nella Sala Liguri nel Mondo, nella sede della Regione, in via Fieschi 15, a Genova, a cui hanno partecipato il presidente di Anci Liguria, e sindaco di Genova Marco Bucci, una rappresentanza di sindaci della Regione e gli altri collegati in videoconferenza, il vicepresidente del Consiglio regionale Armando Sanna, rappresentanti dei gruppi consiliari e i vertici regionali dell’Esercito, della Marina militare, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri. Ha partecipato, in rappresentanza di Assoarma, il cavaliere ufficiale Lorenzo Campani.

Il progetto, che è stato avviato in occasione del centenario della tumulazione del Milite Ignoto all’Altare della Patria, a Roma, si pone l’obbiettivo di favorire da parte dei Comuni italiani il riconoscimento della “cittadinanza onoraria” al Milite Ignoto. Finora hanno aderito oltre 3600 amministrazioni in tutto il Paese. In Liguria, in particolare, il progetto ha avuto una larghissima adesione: 230 Comuni su 234 hanno già conferito il riconoscimento e, fra questi, la totalità delle Amministrazioni della provincia della Spezia.

L’iniziativa è stata avviata nel marzo 2020 dal Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare, con il sostegno di Anci, Assoarma e poi Anpci, la Confederazione delle Associazioni combattentistiche e partigiane e il Ministero della Difesa. E, nonostante le oggettive difficoltà legate alla pandemia, il progetto ha immediatamente riscosso un grande successo: la campagna di adesioni si concluderà il 2 giugno 2022, Festa della Repubblica.

Il presidente Gianmarco Medusei ha annunciato la promozione, da parte dell’Assemblea legislativa della Liguria, di un concorso nelle scuole superiori liguri dedicato al significato del Milite Ignoto.

La cerimonia si è aperta con la proiezione di un filmato sul solenne trasferimento da Aquileia alla Capitale, avvenuto fra l’ottobre e il novembre 1921, delle spoglie di un soldato scelte da Maria Maddalena Bergamas (che nella Prima Guerra Mondiale aveva perso un figlio) e che, da allora, rappresenta tutti i giovani italiani morti in guerra e mai identificati.

E’ seguita la consegna al Generale Aiosa del Sigillo d’argento da parte del presidente Medusei.

«Per cento anni il 4 novembre abbiamo celebrato una vittoria militare onorando, in primo luogo, il sacrificio di quanti ne furono artefici, ma la ricorrenza di questo centenario – ha esordito il presidente Gianmarco Medusei - ha saputo risvegliare nelle nostre coscienze una nuova e diversa attenzione per un simbolo straordinariamente attuale in questo tempo difficile di pandemia». Rivolgendosi poi al generale, ha aggiunto: «La sua meritoria iniziativa ha saputo concretizzare questa ritrovata attualità del simbolo per antonomasia del sacrificio per la Patria. Attraverso il conferimento della cittadinanza onoraria, ogni Comune italiano riconosce il Milite Ignoto quale “proprio figlio” e, pertanto, acquisisce implicitamente l’onore di poter annoverare nella propria comunità l’eroe degli eroi». Il presidente ha, infine, rivolto un ringraziamento particolare al responsabile del progetto in Liguria Paolo Galantini e ha letto il messaggio giunto dal Ministro della Difesa per celebrare l’iniziativa assunta dal Consiglio regionale.

Il generale Rosario Aiosa ha ringraziato il presidente dell’Assemblea legislativa per il riconoscimento ottenuto e ha ricostruito le fasi storiche che hanno portato all’istituzione della figura del Milite Ignoto, che è nata da un’intuizione italiana: «Questo progetto permette a tutti i Comuni di potersi onorare di avere il Milite Ignoto non solo come cittadino d’Italia ma anche come cittadino della propria comunità». Il Generale ha sottolineato che oltre il 95% delle amministrazioni ha aderito al progetto attraverso il voto unanime del proprio Consiglio comunale e che ha già aderito l’85% dei capoluoghi di Provincia. «E - ha concluso - con ogni probabilità la Liguria sarà la prima Regione a raggiungere la totalità delle adesioni».

 

Il presidente di Anci Liguria Marco Bucci ha sottolineato il ruolo svolto da Anci sia livello nazionale che regionale a sostegno del progetto e ha aggiunto: «Oggi la figura del Milite Ignoto è ancora molto importante perché abbiamo di fronte sfide incredibili e importanti per l’Italia in questo che io chiamo Piano Marshall 2.0. Abbiamo, infatti, ancora bisogno – ha detto - di persone così eccezionali che abbiano lo stesso coraggio e la stessa determinazione di allora». 

 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

martedì 25 gennaio
lunedì 24 gennaio
domenica 23 gennaio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium