/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | lunedì 14 maggio 2018, 12:08

Savona, il cantiere Mondomarine valutato 3 milioni di euro: la prima offerta è della Palumbo

Franco Paparusso (Uil): "Speriamo e ci auguriamo che le offerte siano più di una". Luca Valente (rsu Mondomarine): "Vogliamo che il primo di luglio i lavoratori siano assunti, ci preoccupano le tempistiche ma guardiamo con ottimismo nel frattempo si sta lavorando bene e i risultati si vedono”

Savona, il cantiere Mondomarine valutato 3 milioni di euro: la prima offerta è della Palumbo

Il ramo aziendale Mondomarine di lungomare Matteotti è stato valutato tre milioni di euro: una cifra che comprende impianti, macchinari ed attrezzature per la produzione, oltre ai marchi aziendali (Mondomarine e Campanella), gli arredi del cantiere e i 50 contratti di lavoro in essere e che risultano alla base d'asta fissata per il prossimo 13 giugno in tribunale.

L'avviso di vendita da parte dei curatori fallimentari è stato pubblicato nei giorni scorsi ed ha rappresentato l'ultima tappa di un percorso fallimentare che aveva avuto inizio con l'assegnazione in affitto del complesso aziendale alla Palumbo Savona Superyachts di Napoli. Proprio quest'ultima ha già provveduto a far pervenire un'offerta di tre milioni di euro per rilevare il cantiere il 30 giugno (giorno della scadenza del contratto), ma entro quella data potrebbero esserci diverse novità. 

Per quanto riguarda la procedura della gara per aggiudicarsi quanto rimasto di Mondomarine (gara che si svolgerà solo nel caso arrivassero due o più offerte sul tavolo dei curatori fallimentari), il rilancio minimo sarà di 100 mila euro. L'eventuale aggiudicatario, inoltre, dovrà sottostare a due condizioni: partecipare alla gara indetta dell'autorità di sistema per il rilascio della concessione demaniale, e mettere in sicurezza capannoni e strutture "in materia di igiene, salute e sicurezza pubblica".

"Speriamo e ci auguriamo che le offerte siano più di una, soprattutto ci aspettiamo una mossa da parte di Monaco Marine, bisognerà capire anche cosa succederà per le concessioni, nel bando ci sono diversi punti ci aspettiamo tanto per quanto concerne il piano di impresa e l’occupazione. Basta con le chiacchiere ora vogliamo i fatti” ha commentato Franco Paparusso (Uil).

Naturalmente siamo contenti che ci sia un offerta sul piatto, le ulteriori che arriveranno devono essere più forti per superare quella di Palumbo, si sta andando comunque verso la continuità produttiva. Noi stiamo aspettando novità dal consiglio regionale che deve discutere la nostra mozione (votata all’unanimità dal consiglio comunale di Savona) a favore della cantieristica, se la avvallano siamo sulla strada giusta. Ci aspettiamo tanto dal bando di gara in cui avevamo fatto inserire la clausola occupazionale. Vogliamo che il primo di luglio i lavoratori siano assunti: ci preoccupano le tempistiche ma guardiamo con ottimismo al futuro, nel frattempo si sta lavorando bene e i risultati si vedono” ha aggiunto Luca Valente, lavoratore e membro rsu Mondomarine.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore