/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 23 luglio 2018, 08:24

Tirreno Power, archiviata l'accusa di omicidio colposo. Medicina Democratica: "I morti sono morti anche senza nome"

"Il mancato preciso riscontro dei nomi e dei cognomi delle vittime non elimina assolutamente i reati per i quali questi sono già stati rinviati a giudizio né esclude la possibilità di un risarcimento in sede civile."

Tirreno Power, archiviata l'accusa di omicidio colposo. Medicina Democratica: "I morti sono morti anche senza nome"

Nessun collegamento tra le emissioni della Tirreno Power di Quiliano e le morti provocate da problemi cardiorespiratori: la procura di Savona, dopo due anni di supplemento di indagine, è giunta a questa a conclusione.

Il sostituto procuratore della Repubblica, Vincenzo Carusi, ha così chiesto al gip l'archiviazione della accusa di omicidio colposo nei confronti dei dirigenti della Tirreno Power, dei sindaci e dei tecnici di Provincia e Regione coinvolti nell'inchiesta. (VEDI ARTICOLO).

Decisione non condivisa da tutti e, a prendere posizione in maniera decisa, Medicina Democratica che conferma il proprio impegno nel tutelare le vittime in ogni direzione.

Afferma il referente savonese Maurizio Loschi: " A proposito delle strumentalizzazioni comparse nel web e su alcuni articoli di giornale nei giorni scorsi, in riferimento alla richiesta di archiviazione del reato di omicidio colposo nei confronti di alcuni dirigenti aziendali della Tirreno Power di Vado Ligure ed istituzionali, sulla quale si riserva di presentare eventuale opposizione nei modi e nei tempi previsti, Medicina Democratica Onlus, movimento di lotta per la salute, chiarisce che il non aver potuto individuare nomi e cognomi di coloro che sono morti o si sono ammalati a causa delle emissioni nocive provocate dalla Centrale a Carbone non significa che il danno non sia avvenuto, ma solo che queste vittime sono indistinguibili da coloro che hanno subito il medesimo danno ma per cause diverse.

L’eccesso di malati e deceduti sul territorio di impatto della centrale, documentato ampiamente dalle relazioni dei consulenti dei PM, resta ed è lì a dimostrare l’enorme fonte di nocività rappresentata dalla combustione del carbone all’interno di un centro densamente abitato, anche qualora rimanga impossibile effettuare la distinzione di cui sopra.

Il reato specifico di lesioni e omicidio colposo, che era stato stralciato dal precedente filone di indagini, se portato in giudizio assieme all’imputazione per disastro ambientale e sanitario colposo, che sarà discussa in tribunale a partire dall’11 dicembre 2018, avrebbe semplicemente reso ancora più grave la posizione processuale degli imputati, aprendo la strada per un risarcimento delle vittime in sede penale, ma il mancato preciso riscontro dei nomi e dei cognomi delle vittime non elimina assolutamente i reati per i quali questi sono già stati rinviati a giudizio né esclude la possibilità di un risarcimento in sede civile.

Medicina Democratica conferma quindi il proprio impegno nel tutelare le vittime in ogni direzione".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium