/ Politica

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 16 maggio 2019, 14:59

Di Maio in visita da Piaggio Aerospace e Bombardier, Italia in Comune: "Era ora che le istituzioni si accorgessero della crisi"

"Tutta la provincia si aspetta di conoscere quando verrà sbloccato l'iter per l'accordo di programma per l'area di crisi complessa savonese"

Di Maio in visita da Piaggio Aerospace e Bombardier, Italia in Comune: "Era ora che le istituzioni si accorgessero della crisi"

"Era ora. Era ora che le istituzioni si accorgessero della profonda crisi in cui versa l'attività industriale nella nostra provincia e speriamo che la visita del ministro Di Maio serva a schiarire il futuro dei lavoratori e delle lavoratrici delle aziende coinvolte".

Ha commentato così sulle vertenze Piaggio e Bombardier e sulla visita presso gli stabilimenti del ministro Luigi Di Maio, prevista nella giornata di domani, la sezione savonese di Italia in Comune: "Non ci interessa chi risolve il problema, ma che questo sia risolto, perché la situazione è ormai sull'orlo di un punto di non ritorno, che avrebbe ricadute drammatiche sui lavoratori e sulle loro famiglie. I lavoratori e le lavoratrici in lotta si aspettano, però, risposte concrete ad impegni già assunti e promesse già fatte. Si aspettano quindi di conoscere che tipo di contatto sia stato preso con i possibili partner di Bombardier, a partire da Hitachi, e quali risposte siano state date. Si aspettano di sapere se il governo ritenga percorribile la strada della clausola di salvaguardia per garantire ricadute positive sul nostro apparato industriale riguardo commesse pubbliche che, sempre più spesso, vengono realizzate in maniera pressoché totale all'estero, lasciando alle industrie italiane soltanto le briciole".

"Si aspettano di sapere se Bombardier sia destinata ad un declino inesorabile o se si ritenga che questa eccellenza italiana, al di là degli spacchettamenti di parti strategiche della progettazione e della produzione, possa sperare in un futuro di tranquillità. Sull'altro fronte caldo, quello di Piaggio Aerospace, i cui lavoratori sono in cassa integrazione dai primi di maggio, ci si aspetta di conoscere quali fondi abbia stanziato il governo per l'iter di certificazione del c.d. Pattugliatore ed il contratto di manutenzione della flotta di P180 e quanti se ne preveda di acquistare, passi fondamentali di impegni già assunti per rilanciare l'attività dell'azienda, dopo le note vicende dell'abbandono del capitale arabo. Per finire, tutta la provincia si aspetta di conoscere quando verrà sbloccato l'iter per l'accordo di programma per l'area di crisi complessa savonese".

"Bene hanno fatto Lorenzo Tosa e Francesco Battistini (candidato alle Europee e consigliere regionale) ad interrogare la regione Liguria su questi temi ed primi risultati sono stati ottenuti con l'impegno di tenere presso Bombardier una delle prossime commissioni sulle attività produttive e, soprattutto, aver acceso i riflettori su queste difficili vertenze. E' giunto il momento di passare dalle promesse ai fatti concreti, dalla genericità al concreto, perché la provincia non può permettersi di perdere altri posti di lavoro e veder chiudersi altre attività produttive. Occorre un cambio di passo, occorre ridare fiato alla economia locale ormai asfittica. Altrimenti tutte le visite, tutte le strette di mano, tutte le dichiarazioni istituzionali, non saranno altro che vuote passerelle elettorali e l'ennesima, insopportabile, presa in giro delle persone" concludono.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium