/ Al direttore

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Al direttore | 05 agosto 2019, 08:32

Piattaforma Maersk, i dubbi dei Verdi: "Ma servirà davvero?"

Danilo Bruno: "Valeva davvero la pena portare possibili futuri danni ambientali e all'industria turistica per una piattaforma, che servirà solo a spostare merci da una nave ad un'altra?"

Piattaforma Maersk, i dubbi dei Verdi: "Ma servirà davvero?"

"Il prossimo 12 dicembre 2019 la prima nave attraccherà alla piattaforma di Vado Ligure e tutti i problemi del ponente ligure parrebbero in via di soluzione. Noi Verdi confermiamo tutta la nostra opposizione ad una scelta, che confermiamo pericolosa per l'impatto ambientale, per l'assetto idrogeologico e l'erosione costiera nonchè per l'intera industria turistica". Dice Danilo Bruno dei Verdi in vista dell'inaugurazione della piattaforma Maersk, ponendo diversi interrogativi sul tema.

"Questa volta però vorremmo chiedere a Toti, al PD, a CGIL-CISL-UIL e all'Unione Industriali, che sul tema paiono procedere all'unisono, ma sarà davvero una fonte di ricchezza per tutta la zona? Noi vogliamo sollevare alcuni dubbi, che partono dalla quasi assenza di collegamenti fra la piattaforma e le zone di smistamento delle merci: la ferrovia viaggia a stento e non risponde al traffico merci mentre il casello autostradale di Bossarino è aldilà dall'essere progettato ma allora qualcosa non funziona se si pensa che di solito le merci si devono spostare velocemente ed è proprio su questo punto, che si gioca molta della credibilità di uno scalo marittimo. Ma allora: Perchè le opere suddette non sono state adeguatamente rafforzate in particolare il nodo dei collegamenti ferroviari? Perchè sul tema è calato il silenzio ma neppure da parte cinese e/o della Maersk vi è stata una presa di posizione? Perchè le aree strategiche (o presunte tali) della Valle Bormida hanno cessato di avere un interesse retroportuale?".

"Noi pensiamo che vi possa essere una risposta ovvero che la piattaforma di Vado Ligure sia destinata per la maggior parte al cosiddetto transhipment ovvero al trasferimento delle merci da grandi navi a più piccole con conseguente riduzione del personale assunto e soprattutto con poca merce, che verrà trasferita fuori dall'area portuale. Questo potrebbe spiegare la ragione dei silenzi, che prima ricordavamo ma soprattutto vogliamo rammentare che il transhipment è in profonda crisi in Italia (Gioia Tauro, Cagliari) mentre solo ora a Taranto è arrivata una società turca, che potrebbe far pensare di poter ripartire. Se così fosse effettivamente allora tornerebbe la domanda iniziale ma ne valeva davvero la pena portare possibili futuri danni ambientali e all'industria turistica per una piattaforma, che servirà solo a spostare merci da una nave ad un'altra?" conclude Bruno.

Lettera al Direttore

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium