/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 14 novembre 2019, 09:30

I consiglieri Spiga e Bonasera attaccano il sindaco Fiorini: "Spotorno merita di meglio"

"Il paese non merita l’incuria, la scarsa di pulizia e la mancanza totale di consapevolezza di amministrare un paese turistico" aggiungono dal gruppo "Spotorno Che Vorrei"

I consiglieri Spiga e Bonasera attaccano il sindaco Fiorini: "Spotorno merita di meglio"

"Ecco un esempio dell’incapacità di chi amministra Spotorno: fiumi puliti ad ottobre e sterpaglie e canne lasciate sul posto e poi arriva l’allerta meteo. Unico comune della fascia rossa che ha tenuto aperti una parte di edifici scolastici. Sindaco cosa vuol dimostrare?". Cosi i consiglieri del gruppo "Spotorno Che Vorrei" Salvatore Massimo Spiga e Francesco Bonasera attaccano il primo cittadino Mattia Fiorini. 

"Spotorno non merita l’incuria, la scarsa di pulizia e la mancanza totale di consapevolezza di amministrare un paese turistico - proseguono - non merita sentirsi rispondere "tutto programmato" ogni qualvolta si chieda conto di interventi non fatti o fatti in ritardo". 

"Merita un’adeguata filosofia turistica che aiuti l’economia locale, che attui la lotta alle vendite abusive (non solo dopo le nostre interpellanze) che preveda la presenza in paese degli agenti di Polizia Municipale; che attui (visto il contributo di 42.000 da parte dello Stato) un servizio efficiente di “spiagge sicure”; che avvii anche con finalità turistiche una programmazione dello sport a Spotorno (non solo dopo le nostre interpellanze); che pulisca i rii quando è il momento; che pulisca le strade; che si impegni a rendere il paese ordinato e pulito". 

"Merita ancora che non si spenda € 50.000 per manifestazioni come Eifel 65 e 'Run4fun color in thè beach' ma si diluiscano i fondi per 12 mesi all’anno - concludono - Merita che in un paese normale alla presenza di un evento eccezionale un sindaco normale tolga le deleghe ad un suo assessore coinvolto in una vertenza con il comune che rappresenta; pronto a restituirle una volta risolto la contestazione. C’è ancora molto da dire. Vi rimandiamo alla prossima puntata". 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium