/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 11 dicembre 2015, 15:12

Loano, atti osceni nei confronti di tre bambine: fermato un artigiano 56enne

Tra i fermi un artigiano albenganese cinquantaseienne per aver compiuto atti osceni, inerenti la sfera sessuale nei confronti di tre bambine intente a giocare nei giardini del “Loano due Village” nell’agosto scorso.

Loano, atti osceni nei confronti di tre bambine: fermato un artigiano 56enne

 

Stamattina i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Albenga hanno tratto in arresto un cittadino marocchino di 23 anni, K.F. poiché a seguito di controllo da parte dei militari in località Campochiesa ad Albenga (SV) risultava colpito da Ordine di Cattura emesso dal Tribunale di Savona per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali commessi a Finale Ligure  nel 2011. Il soggetto dopo gli atti di rito è stato accompagnato nel carcere Sant’Agostino in cui dovrà scontare la pena di 2 anni e 7 mesi di reclusione.

Sempre nel corso della mattinata i militari della Stazione Carabinieri di Loano hanno eseguito, su disposizione dell’Ufficio del GIP di Savona, dott. Meloni, un ordine di custodia cautelare nei confronti di un artigiano albenganese cinquantaseienne, per aver compiuto atti osceni, inerenti la sfera sessuale nei confronti di tre bambine intente a giocare nei giardini del “Loano due Village” nell’agosto scorso. Il soggetto, che era già stato coinvolto in fatti analoghi nel 2013 ad Andora, rischia una pena di oltre quattro anni. L’individuo è stato dichiarato in stato di arresto presso la caserma di Albenga ed è stato immediatamente condotto al Carcere Sant’Agostino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Corso mattina, i militari dell’Arma di Pietra Ligure hanno proceduto all’arresto esegunedo altra Ordinanza di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Savona nei confronti di P.S., una donna albenganese di 46 anni, pluripregiudicata, già in regime di arresti domiciliari per reati di spaccio di stupefacenti, commessi a Finale Ligure nel corso dell’anno.

Ieri sera sempre i Carabinieri della Stazione pietrese, hanno arrestato P.B. cinquantaquattrenne di Borgio Verezzi, esercente, già avvisato orale di pubblica sicurezza, su cui pendeva un ordine di cattura disposto dal Tribunale di Sorveglianza di Genova, a seguito della violazione delle prescrizioni imposte dalla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali cui era sottoposto per stalking nei confronti dell’ex coniuge.

 

 

 

c.s,

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium