/ Solidarietà

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | 06 giugno 2017, 11:31

Gheppio ferito cade dal nido, salvato dai volontari della Protezione Animali

Grande lavoro dei sempre pochissimi volontari della Protezione Animali savonese, in tutta la provincia, per soccorrere, oltre al consueto numero di animali selvatici feriti o malati, in questa stagione anche i piccoli caduti da nidi irraggiungibili o introvabili per rimetterceli.

Gheppio ferito cade dal nido, salvato dai volontari della Protezione Animali

Grande lavoro dei sempre pochissimi volontari della Protezione Animali savonese, in tutta la provincia, per soccorrere, oltre al consueto numero di animali selvatici feriti o malati, in questa stagione anche i piccoli caduti da nidi irraggiungibili o introvabili per rimetterceli.

Un bellissimo gheppio è stato soccorso vicino alla chiesa di Calvisio, mentre una piccolissima civetta è stato recuperata a Cairo Montenotte; ricoverati nella sede di Savona per le prime cure sono poi stati avviati al centro di recupero animali selvatici (CRAS) di Bernezzo per l’accrescimento in previsione della liberazione ad autosufficienza completata.

L’Enpa ricorda ancora una volta che i piccoli di diverse specie selvatiche sembrano abbandonati ma quasi sempre non lo sono: caprioli, daini e leprotti sono immobili tra l’erba mentre la madre è nelle vicinanze e li raggiungerà dopo essersi alimentata; i piccoli di gabbiano, merlo e cornacchia scendono dai nidi prima ancora di saper volare ed i genitori li accudiscono a terra portandogli da mangiare e proteggendoli come possono; eguale comportamento avventuroso hanno spesso i piccoli di cinghiale; se quindi gli animaletti non sono feriti e si trovano in un ambiente naturale, occorre non toccarli e lasciarli dove si trovano; diversa è la situazione se sono in zone urbane con il rischio di essere vittime del traffico o di cani e gatti; ma solo dopo aver accertato l’effettivo pericolo si possono recuperare e portare all’Enpa; meglio comunque telefonare: l’associazione mette a disposizione un numero di cellulare (345 635 0596), riservato SOLO agli animali selvatici, tutti i giorni dalle 9 alle 19.

I soccorsi, già numerosi nel periodo invernale, si moltiplicano in primavera-estate fino a più di 450 nel mese di giugno; oltre al gravoso impegno di curarli ed alimentari anche dieci volte al giorno nei reparti di cura, i volontari dell’Enpa percorrono centinaia di chilometri per recuperarli e lanciano un appello a chi telefona per segnalare un selvatico ferito o in difficoltà: “le spese ed il tempo impiegati per venirlo a prendere ci stanno devastando (soprattutto nel finalese ed in Valle Bormida), quindi, se potete, portateceli, perché veramente pochi finora lo fanno”. Se poi ci fosse anche qualche volenteroso che volesse dare un aiuto ai reparti di cura…..

cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium