/ Attualità

Attualità | 09 marzo 2020, 11:16

Coronavirus, l’appello alle agenzie immobiliari da Fiaip Savona: “Divieto di ospitare turisti dalle zone rosse”

L’intervento a seguito dell’Ordinanza Regionale. Il presidente Fabio Becchi: “Rispettare i nuovi provvedimenti, ecco alcuni interventi necessari per tamponare le conseguenze della diffusione del COVID-19 sull’economia”

Coronavirus, l’appello alle agenzie immobiliari da Fiaip Savona: “Divieto di ospitare turisti dalle zone rosse”

In seguito all’emanazione dell’Ordinanza Regionale 4/2020 COVID-19 su “Ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica”, FIAIP SAVONA chiede agli operatori del settore immobiliare di prestare particolare attenzione al punto 3) di tale Ordinanza (in allegato) la quale prevede che “ai titolari delle strutture turistico ricettive e ai proprietari/detentori di appartamenti ammobiliati ad uso turistico della Regione Liguria di cui alla l.r. 12 novembre 2014 n. 32 è fatto divieto di ospitare soggetti nei confronti dei quali si applichino le limitazioni di cui al punto 1 della presente Ordinanza, che richiama l’art. 1 del D.P.C.M. 8 marzo 2020”.

I soggetti citati sono “tutti gli individui che hanno fatto ingresso in Liguria dalle ore 00:00 del 24 febbraio 2020, e non vi siano residenti, provenienti dai territori della Regione Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro-Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Novara, Asti, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli e Alessandria, i cui spostamenti verso il territorio ligure e dal territorio ligure non siano motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità o da motivi di salute, hanno l’obbligo di osservare le prescrizioni di cui all’art. 1, lett. a), b) e c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020”.

In tale situazione di emergenza epidemiologica, FIAIP SAVONA riporta le proposte della Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionali, a sostegno delle agenzie immobiliari
a seguito delle conseguenze economiche generate dall’effetto coronavirus:

Sospensione per 12 mesi di rate di mutui e di finanziamenti; sospensione per 12 mesi dei versamenti IVA; sospensione, almeno fino al 30 settembre 2020, del versamento della ritenuta d’acconto operata, proseguendo nella raccolta della stessa; sospensione, almeno fino al 30 settembre 2020, del versamento dell’imposta di soggiorno già raccolta, pur proseguendo la raccolta della stessa; sospensione di eventuali rate di rottamazione e/o dell’Agenzia delle Entrate – Ufficio Riscossione (ex Equitalia) almeno fino al 30 settembre 2020; accesso al Fondo di Garanzia fino all’80% del capitale richiesto con restituzione nei prossimi 48 mesi; utilizzo dell’imposta di soggiorno, finalizzata al sostegno del turismo, anche per sostenere azioni a favore delle agenzie immobiliari in quanto operatori attivi e responsabili nella riscossione di tale tribute; sospensione del pagamento dei contributi per i dipendenti fino almeno al 30 settembre 2020, a supporto del mantenimento dei posti di lavoro.

 

  1. Sospensione del pagamento di IMU e TARI almeno fino al 31 dicembre 2020 


  2. Credito d’imposta per chi ha perso oltre il 25% del fatturato nel 2020.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium