/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 07 luglio 2020, 18:50

Savona, Open Fiber risponde all'assessore Santi: "Gli interventi provvisori causano nostro malgrado dei disagi, ma sono necessari"

"In base al programma concordato con gli uffici tecnici comunali, i ripristini definitivi riprenderanno a metà luglio e riguarderanno i primi 3.5 chilometri di strade interessate dai lavori di posa della rete in fibra"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

In merito alle notizie pubblicate nelle ultime ore dagli organi di stampa, che hanno riportato la posizione dell’Assessore ai Lavori Pubblici di Savona, Pietro Santi, sui lavori che Open Fiber sta eseguendo in città (leggi QUI), la società intende chiarire quanto segue:

"Open Fiber sta investendo complessivamente a Savona quasi 9 milioni di euro, per collegare oltre 25mila unità immobiliari alla banda ultra larga attraverso una nuova infrastruttura, interamente in fibra ottica, di circa 110 km - spiegano dall'azienda - Il 40% del progetto in corso a Savona prevede il riutilizzo di infrastrutture esistenti, aeree e interrate, al fine di limitare i disagi per la viabilità e per i cittadini".

"Dopo i lavori per l’installazione della rete, le imprese che lavorano per Open Fiber eseguono dei ripristini provvisori, ossia le operazioni temporanee di riqualificazione del manto stradale. Gli interventi provvisori, caratterizzati da malta cementizia o da uno strato di binder, causano nostro malgrado dei disagi in quanto soggetti all'azione degli agenti atmosferici e all'usura diretta del traffico, ma sono necessari per un completo e corretto assestamento del terreno. I casi segnalati negli articoli si riferiscono proprio a questa tipologia di lavorazioni. L’azienda vuole però sottolineare che gli interventi di ripristino provvisorio sono coerenti con il disciplinare tecnico del Comune di Savona (che recepisce le modalità di ripristino indicate dal Decreto Scavi n.33/2016), e che i materiali utilizzati sono tutti certificati e a norma di legge, come sempre accade sui cantieri di Open Fiber".

"Di norma, dopo il necessario periodo di assestamento, le aree ripristinate provvisoriamente sono soggette ai ripristini definitivi per riqualificare a regola d’arte le superfici manomesse per i lavori di infrastrutturazione. Le attività di riasfaltatura sono però sconsigliate durante l’inverno a causa delle temperature troppo basse che deteriorano la qualità del nuovo tappetino d’asfalto. Inoltre, l’emergenza coronavirus, a causa della contrazione del personale impiegato sui cantieri e dell’indisponibilità dei materiali legata alla chiusura delle cave per il lockdown, ha rallentato le operazioni di ripristino definitivo. In base al programma concordato con gli uffici tecnici comunali, i ripristini definitivi riprenderanno a metà luglio e riguarderanno i primi 3.5 chilometri di strade interessate dai lavori di posa della rete in fibra. L’azienda sottolinea di essere comunque sempre disponibile per cercare di soddisfare le richieste dell’Amministrazione Comunale e per venire incontro a eventuali esigenze che ci saranno segnalate e che siano finalizzate a ridurre ulteriormente l’impatto di un piano che consegnerà a cittadini, imprese ed enti un’infrastruttura FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa) capace di abilitare tutti i servizi digitali di ultima generazione".

"Open Fiber crede nel progetto intrapreso a Savona, e si è dotata di una struttura di sorveglianza e controllo per garantire la qualità delle lavorazioni delle imprese che operano sul territorio. È possibile segnalare situazioni anomale anche tramite la sezione Contattaci del sito openfiber.it." concludono da Open Fiber.

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium