/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 02 dicembre 2020, 14:55

Chiusura A6 ai mezzi pesanti per neve, Vaccarezza non le manda a dire ad Autofiori: "Siamo ostaggio dell'incompetenza di una società"

Dopo il dito puntato della consigliere provinciale Luana Isella anche il consigliere regionale ha attaccato Autofiori dopo la riunione della settimana scorsa in Prefettura

Chiusura A6 ai mezzi pesanti per neve, Vaccarezza non le manda a dire ad Autofiori: "Siamo ostaggio dell'incompetenza di una società"

"C’è chi mantiene le promesse e chi le premesse. Ne abbiamo avuto la prova ieri sera, quando, la Società Autofiori ha deciso, contrariamente a quanto promesso nelle scorse settimane di chiudere la A6 ai mezzi pesanti, dirottando il traffico sulle Strade Provinciali".

Il consigliere regionale Angelo Vaccarezza, come ha fatto la consigliere provinciale alla viabilità Luana Isella con uno sfogo su Facebook, non le ha mandate a dire all'Autostrada dei Fiori che ha deciso di chiudere causa neve l'A6 ai mezzi pesanti superiori alle 7.5 tonnellate rischiando di andare a creare problemi alla strada provinciale 29 del Cadibona.

"La scorsa settimana si è svolta in Prefettura a Savona la riunione per il "Piano Neve". All'incontro erano presenti ovviamente i rappresentanti di Prefettura, Forze dell'Ordine, i Sindaci dei comuni coinvolti e, ovviamente, la Provincia e la Società Autofiori. Il tavolo serve come ogni anno, per riparametrare i criteri del protocollo di gestione delle criticità dovute alle precipitazioni nevose sulle maggiori arterie di comunicazione della Provincia. È emerso che, gli eterni (per tempo di apertura e per chilometri) cantieri di Autostrade dovevano essere chiusi, dato l'avvicinarsi della stagione più difficile per le strade della provincia. È stato deciso che l'autostrada non sarebbe stata chiusa al traffico pesante. Detto fatto" continua Vaccarezza.

"Riunioni su riunioni, ivi compreso un incontro ieri sera vista l'allerta nivologica, e Autofiori cosa fa? Chiude al traffico pesante. Qualche considerazione su questo comportamento, noto ai più con il nome di "scaricabarile": ci si fa beffa delle Istituzioni, in particolare della Prefettura e delle Forze dell'Ordine, e questo non è accettabile. Le ricadute sul territorio sono pesantissime; in primis sulle Strade Provinciali che hanno il compito di accogliere il traffico pesante, come ha giustamente sottolineato stamane l'Assessore Luana Isella, con gravi conseguenze sulla sicurezza statica delle arterie stradali, sulle condizioni degli asfalti che per quanto curati e tenuti in efficienza, sono calibrati per un traffico differente" continua il consigliere regionale di Cambiamo.

"Per non parlare dei residenti di zona, prigionieri del traffico pesante che purtroppo, in queste condizioni, non ha altre vie di sfogo. Siamo ostaggio dell'incompetenza di una società che invece di collaborare con il territorio per risolverne i problemi preferisce lavarsene le mani, dimostrando impreparazione e irresponsabilità. Noi siamo abituati diversamente Noi ci siamo, ci mettiamo la faccia, nel bene e nel male. E fa molta, molta differenza" conclude Angelo Vaccarezza.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium