/ Politica

In Breve

sabato 16 ottobre
venerdì 15 ottobre

Politica | 14 ottobre 2021, 16:01

Spotorno, Francesco Bonasera (Lega) commenta i risultati delle ultime elezioni

“Prendendo atto che l’azione politica di alcuni ha permesso che il centro sinistra governi Spotorno, chiudiamo definitivamente con chi rappresenta il passato e pensiamo al futuro”

Spotorno, Francesco Bonasera commenta i risultati delle ultime elezioni

A dieci giorni dalle elezioni, Francesco Bonasera, referente di zona (Spotorno, Noli, Bergeggi e Vezzi Portio) della Lega Salvini Premier, commenta l’esito delle comunali di Spotorno con una nota: “Ho aspettato qualche giorno prima di commentare. A caldo la rabbia era troppo forte e mi avrebbe impedito di fornire un commento sereno a benefico del nostro elettorato e degli spotornesi che si riconoscono nell’area alla quale apparteniamo”.

Come noto decisi in totale autonomia di fare un grande passo indietro e nonostante il parere contrario dei vertici del mio partito, non mi presentai alle elezioni e non feci la lista ‘Spotorno Che Vorrei 2021’, peraltro già pronta, lasciando che Zunino Giancarlo proseguisse nel suo progetto trasversale,  da me mai condiviso”.

E’ giusto ricordare  - spiega Bonasera - che nel settembre del 2020 proposi proprio a Zunino un accordo di centro destra, che ci avrebbe finalmente visti insieme. Accordo rifiutato in quanto fu preferita la formazione di una lista trasversale con il terzo gruppo di minoranza, che si richiama alla sinistra spotornese.  I candidati di quest’ultimo gruppo, con 85 voti di preferenza in due, non hanno certo inciso per un risultato positivo della lista “Insieme per Spotorno”, nella quale i rappresentanti delle altre componenti hanno ottenuto 167 voti per il gruppo facente capo a Zunino (tre) e Cambiamo (una) e 266 voti per il gruppo proveniente da Spotorno che Vorrei”.

Con amarezza dico, oggi come allora, che la scelta e il progetto non è stato gradito dal nostro elettorato ed è fallito – prosegue -  Spotorno è un paese che vota in prevalenza il centro destra, questo non solo è dimostrato dall’esito del voto regionale (netto per la riconferma di Toti Presidente)  ma anche dalle elezioni comunali, ad esempio del 2016. Allora l’area moderata divisa in due liste ottenne 1.115 voti contro i 1.032 voti delle due liste di sinistra”.

Il mio gruppo  ‘Spotorno Che Vorrei’ Bonasera  Sindaco’ perse le elezioni con uno scarto di 86 voti; oggi ‘Insieme per Spotorno’ ha perso la tornata elettorale con uno scarto 134 voti!. Ma non solo,  Zunino ha perso 260 voti dell’elettorato di centro destra che nel 2016 votarono Bonasera e Marcenaro quali candidati sindaci”.

L’ultimo dato che deve far riflettere è che i votanti nel 2016 furono 2mila 266 (67,76%) contro i 1.916 (59,10%) di oggi. Sono mancati 350 elettori. Tanti e presumibilmente quasi tutti elettori della nostra area che hanno preferito non votare né la lista del Sindaco uscente né una lista nella quale non si riconoscevano.

Prima del mio ritiro ho provato a spiegare al capolista sconfitto e ai suoi più vicini collaboratori che la strada vincente era una sola: una lista solo di centro destra appoggiata dai partiti politici, come a Loano, ma purtroppo non sono stato ascoltato. Ora però  - prosegue Bonasera - non ci si può lamentare che i partiti non hanno inciso. Direi invece che a parte Cambiamo, “Insieme per Spotorno” ha scelto di non invitare nessun esponente moderato forse per continuare a sperare di catturare voti a sinistra togliendoli a Fiorini e forse anche per non ‘innervosire’ il capogruppo di ‘Adesso Spotorno’. Progetto fallito”.

Bene, premesso tutto ciò e prendendo atto che l’azione politica di alcuni ha permesso che il centro sinistra governi  Spotorno,  senza interruzione per 15 anni, chiudiamo definitivamente con chi rappresenta il passato e pensiamo al futuro”. 

In questi cinque anni lavoriamo per costruire un’area moderata forte e coesa che possa vincere le prossime elezioni, la Lega c’è, noi ci siamo e saremo attenti osservatori dell’opera amministrativa della giunta del sindaco Fiorini,  al quale  ho fatto i complimenti  appena eletto e l’ho invitato ad instaurare con la minoranza un rapporto diverso da quello avuto con noi nel suo primo mandato”.

In ultimo – conclude - un commento a caldo sulle scelte della composizione della nuova Giunta: mi lascia perplesso il fatto che il sindaco abbia nominato due assessori,  ancorché stimabili,  non eletti consiglieri. Mi pare una mancanza di rispetto della volontà del suo elettorato considerato anche che,  in campagna elettorale, aveva dichiarato che avrebbe tenuto conto sia delle competenze che del parere degli elettori. Mi fermo qui: Fiorini ha vinto le elezioni e le scelte spettano a lui per i prossimi cinque anni".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium