/ Attualità

Attualità | 22 giugno 2022, 15:10

Maturità 2022, la prima prova apre le danze. Ma la tensione è tutta per gli orali e per il futuro (FOTO e VIDEO)

Siamo stati ad ascoltare le prime impressioni da alcuni studenti in uscita dai licei di Savona e Albenga. Domani la seconda prova, diversa a seconda del singolo percorso di studi

Maturità 2022, la prima prova apre le danze. Ma la tensione è tutta per gli orali e per il futuro (FOTO e VIDEO)

La letteratura con la poesia "Myricae" di Pascoli e il romanzo con al centro il tema degli ultimi in "Nedda" di Verga; due argomenti di riflessione che ciclicamente fanno capolino tra quelli da trattare come le leggi razziali (col testo scritto a quattro mani scritto da Liliana Segre e dal magistrato Gherardo Colombo) e il potere delle musica secondo Oliver Saks; ma anche l'attualità con il cambiamento climatico, l'iperconnessione e le reti nella nostra quotidianità fino al mondo del post Covid.

Comincia così l'ultimo atto del percorso di studi per gli alunni di quinta superiore, quell'esame di maturità che in quest'anno scolastico appena conclusosi vedrà circa 2mila studenti savonesi attesi poi domani dalla seconda prova (differente a seconda del percorso di studi) e quindi degli orali.

Questa è stata anche l'ultima maturità per coloro che nel triennio conclusivo del percorso di studi hanno avuto a che fare con la Dad. Siamo andati a sentire alcuni di loro proprio alla fine di questo primo giorno di esame.

Pensavo peggio, sono state più facili di quello che pensavo a parte il testo letterario ed è stato il primo che ho scartato. Spero sia andato bene, ho utilizzato due protocolli per la brutta copia e due per la bella - ha detto Sara Paparusso, studentessa del liceo linguistico Chiabrera di Savona indirizzo cinese e spagnolo - Sono stati un po’ stressanti gli ultimi due anni e in questa maturità ci ritroviamo a dover affrontare due prove scritte. Spero di riuscire a ricordare ogni cosa, ogni collegamento che ci darà direttamente il prof, più se ne fanno più il voto si può alzare. Per il futuro? Entrare ad ingegneria gestionale a Torino”.

Costanza Colla e Maria Carofiglio del liceo artistico Martini, indirizzo arti figurative hanno scelto rispettivamente il testo sulla musica e quello incentrato sulle leggi razziali. La didattica a distanza durante il Covid il terzo e quarto anno e in quinta il ritorno alla presenza hanno influito e non poco sugli studenti.

Anni difficili, c’era davvero poca organizzazione, è stato tutto improvviso. Il terzo anno è stato abbastanza difficile perché non avevamo mezzi, non è stato facile perché cambiavamo i professori. La quarta è stata complicata perché si voleva provare a tornare il più possibile a come era prima e quindi si è cercato di velocizzare un processo che era invece più lento” il commento di Costanza e Maria.

Digitalizzazione del mondo invece è stata la scelta di Marco Prostamo, studente del liceo scientifico indirizzo scienze applicate. “Un mondo digitale è un mondo nel quale viviamo adesso e la reputavo la più facile per noi giovani. Come sono stati questi due anni?  Molto pesanti, mi fa molto ridere che quando parlo di quegli anni con gli amici non mi ricordo praticamente nulla della scuola, sono volati. Probabilmente inizierò l’università, ma un part time finché studio non lo nego - ha spiegato Marco - Il futuro è una grossa incognita, che la scuola non aiuta a risolvere, abbiamo fatti grandi orientamenti ma reputo che non siano state formative sufficientemente”.

Ho scelto la traccia riguardante i cambiamenti climatici, la 3 B, un estratto in cui Parisi commenta il surriscaldamento globale – spiega Stefano Arrighetti del Liceo G. Bruno di Albenga, ma residente ad Alassio, corso di Scienze Applicate -. Non ero particolarmente teso, lo sono di più per lo scritto di matematica e ancor di più per l’orale, perché c'è una varietà di argomenti maggiori rispetto agli scritti”.

La dad all’inizio era un po’ pesante e meno efficace, però poi mi sono abituato e l’ho trovata utile: sicuramente ci ha impedito di perdere degli anni. Il futuro? Mi piacerebbe studiare Ingegneria meccanica, vedremo”, conclude il giovane studente.

Anche io ho scelto la traccia argomentativa 3b, sul cambiamento climatico, perché è un argomento molto attuale e merita attenzione – ci racconta Andrea Blasi di Albenga, dello stesso corso di studi di Stefano -. Ero emozionato e ho un po’ d’ansia, soprattutto per l’orale, perché sarà più complicato. Poi penso che studierò Ingegneria biomedica”.

Gabriel Annis di Andora, Scienze applicate: “La prova di italiano è andata abbastanza liscia, sono più preoccupato per la prova di matematica. Oggi ho scelto di trattare il tema dell’iperconnessione e la web reputation. Ho parlato della responsabilità morale degli influencer, che con i loro comportamenti influenzano i giovani”.

Ora, tutti a casa a ripassare per la prova scritta di domani.

L. Parodi - M. Gramaglia - M. Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium