ELEZIONI COMUNE DI ALBENGA
ELEZIONI COMUNE DI FINALE LIGURE
 / Attualità

Attualità | 29 febbraio 2024, 11:56

Gli studenti liguri visitano i campi di concentramento: "Siamo stati nel cuore dell’inferno"

Ieri, ultima tappa, la delegazione ha visitato, a Varsavia, il museo dedicato all’insurrezione della città contro l’occupazione tedesca

Gli studenti liguri visitano i campi di concentramento: "Siamo stati nel cuore dell’inferno"

 

"Per tutti noi è stata un’esperienza toccante, un appuntamento con la nostra storia, con la nostra umanità e, nel contempo, con la nostra disumanità. Siamo stati nel cuore dell’inferno". Questo è la prima riflessione dei 24 studenti liguri, vincitori della XVI edizione del concorso “27 Gennaio – Giorno della Memoria al termine del viaggio delle scuole”, al termine del viaggio in Polonia, nei lager di Auschwitz-Birkenau, e nel ghetto di Cracovia.

"Abbiamo sentito e visto il dolore. Abbiamo percepito la paura aleggiare ancora nell’aria, nei campi, nelle strade, nel ghetto, nelle celle, nelle baracche. Le pagine, i video e le immagini con cui abbiamo studiato, durante questo “viaggio” - aggiungono i ragazzi - hanno preso forma in maniera incisiva e, potremmo dire, potente e prepotente.  Dalle pagine alla realtà: un pugno forte al centro del nostro “io”, una messa in discussione della nostra identità e del dissidio fra bene e male. Dopo quest’esperienza siamo testimoni di quanto la normalità degli atteggiamenti, un’obbedienza cieca all’autorità o, più semplicemente, una totale indifferenza abbiano reso possibile lo sterminio di uomini, donne e bambini la cui unica colpa fu quella di appartenere ad una minoranza religiosa o etnica".

Il bilancio di questo viaggio è chiaro: "Torniamo cambiati. Abbiamo imparato a non dare per scontati i nostri diritti, abbiamo ampliato le nostre conoscenze, vissuto momenti che ci hanno sconvolto. In tanti abbiamo pianto. Capelli, scarpe, valigie, oggetti, veleno, fotografie, ogni cosa vista qui ci ha trasmesso l’orrore. Abbiamo versato lacrime di pietà, vergogna, colpa. E’ stata un’esperienza di catarsi, fatta tutti insieme, con mani intrecciate nell’abnorme spazio dei campi di sterminio a formare una catena umana più forte delle atrocità e della disumanità. D’ora in avanti - concludono gli studenti- sapremo porci interrogativi profondi su quanto avviene nel mondo, riflettendo su ogni nostra intenzione e decisione, nel pieno rispetto degli altri. Torniamo cambiati. Ognuno di noi sentirà ancor più l’urgenza di fare del bene e di non cedere all’indifferenza. Porteremo a casa e nelle classi la speranza, e non la disperazione, la consapevolezza, e non l’ignoranza".

Il viaggio si è concluso ieri a Varsavia con la visita al museo “Powstania Warszawskiego”, dedicato all’insurrezione della città contro l’occupazione tedesca.

La delegazione era accompagnata dal vicepresidente del Consiglio regionale Armando Sanna, dai consiglieri regionali Roberto Arboscello, Giovanni Boitano, Roberto Centi, Gianni Pastorino e Ferruccio Sansa, dal rabbino capo della Comunità ebraica di Genova Giuseppe Momigliano, da Filippo Biolè della sezione Aned di Genova, da Licia Cesarini per la sezione Aned di Savona/Imperia, Renzo Lumachelli della sezione Aned della Spezia.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di SavonaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium