/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | domenica 07 giugno 2015, 09:30

Savona: Enrico Bruno Novali le sue opere dall'8 al 14 giugno

Enrico Bruno Novali le sue opere Insieme con AIAS Savona onlus Atrio Comune di Savona 8-14 Giugno 2015 in collaborazione con Stella Seitun

Savona: Enrico Bruno Novali  le sue opere dall'8 al 14 giugno

Sarà visitabile la mostra di Enrico Novali a  favore dell'AIAS che si terrà presso l'Atrio del Comune di Savona  dall'8 al 14 giugno.

Enrico Bruno Novali è nato a Genova, dove vive e lavora.GlIANNIGIovANIlIEIl pErIodo fIGurAtIvo. Allievo di Giuseppe Bodrato (1886-1954) presso la Scuola d’Arte di Genova e perfezionati nel dopoguerra gli studi artistici con orlando Grosso (1882-1968), Enrico Bruno Novali collabora successivamente con il pittore Giuseppe Antonio Santagata (1888-1985) e lo scultore Guido Galletti (1893-1977). Dopo le prime mostre personali a Genova nel 1946, a Buenos Ayres nel 1947 e a Zurigo nel 1956, Enrico Bruno Novali realizza nel 1964 alcune opere per la chiesa di San Giuseppe di priaruggia (GE): un Crocifisso (olio su tavola di mt. 5 x 3), “San Giuseppe con Bambino” e una “Madonna con Bambino”, consolidando il suo primo repertorio pittorico di stampo classico e prettamente figurativo. Seguono altre commissioni ecclesiastiche, presso l’oratorio di S. Bartolomeo (Genova-Quarto), il Santuario della Madonnina di Acqui (AL) e la Chiesa dell’Assunta di fontanile d’Asti.Nel 1965 espone alla “Galleria San Gallo” di Firenze e alla “Galleria liguria” (ora Fondazione Liguria) di Genova nell’ambito della mostra collettiva “dieci anni di pittura ligure”, curata da Vitaliano Rocchiero. Nel 1975 è presente alla prima edizione della “Biennale Arte Città di Genova” e il suo lavoro si trova a una svolta importante, sviluppando una visione pittorica informale che continua tutt’oggi.Negli anni successivi espone le sue opere a Milano, Torino, Bologna, Madrid, Stoccolma, Malmö, Manchester, Buenos Ayres. L’Accademia ligustica di Belle Arti di Genova lo nomina “Accademico promotore”.Il pErIodo INforMAlEEIl SINdACAto NAzIoNAlE ArtIStI.Nel 1991 Enrico Bruno Novali viene invitato ad esporre presso il Complesso Monumentale di San Michele a Ripa Grande di Roma, nell’ambito della manifestazione artistica “presenze e testimonianze 1940-1991”, ricevendo un importante riconoscimento di merito e l’interesse della critica.Consolidato il suo linguaggio pittorico, inizia in quegli anni una personale sperimentazione artistica, alla ricerca di una nuova prassi espressiva.L’attività artistica di Enrico Bruno Novali procede inoltre di pari passo con l’organizzazione delle trenta rassegne d’Arte Contemporanea del Sindacato Nazionale lavoratori e Arti visive, del quale è membro dal 1975 e quindi Segretario Generale.In questa veste promuove un intenso lavoro di valorizzazione e ricerca attorno alle figure professionali del mondo dell’arte (docenti, scenografi, pittori e scultori) e alle problematiche legislative legate alla gestione dei beni culturali, partecipando anche alle Commissioni urbanistiche di edilizia privata del Comune di Genova e a commissioni concorsuali per la realizzazione di opere d’arte pubbliche.L’allestimento delle esposizioni pittoriche curate da Enrico Bruno Novali nei contesti privilegiati dei palazzi pubblici di Genova (palazzo ducale, loggia della Mercanzia, loggia della Commenda di San Giovanni di pré, palazzo delle Compere di San Giorgio), realizza concretamente un esempio di fruizione dell’arte contemporanea che si radica nel tessuto storico e più antico della città, in una reciproca valorizzazione degli spazi architettonici e dei contenuti, favorendo lo sviluppo di un dialogo artistico intergenerazionale di cui Enrico Bruno Novali è sempre stato promotore e convinto sostenitore.A coronamento dell’intensa attività sindacale e di promozione artistica sul territorio, Enrico Bruno Novali ha progettato e curato la Quadreria d’Arte della Camera Metropolitana del lavoro di Genova, che conserva una ricca collezione di opere d’arte contemporanea di artisti liguri, memoria delle figure di maggior spicco della cultura artistica degli ultimi decenni.l’opErA rECENtE. Dal figurativo classico all’informale, dal disegno alla scultura, dall’olio alle tecniche miste, la sperimentazione artistica di Enrico Bruno Novali evolve il proprio linguaggio trascendendone la forma e lo stile in una continua ricerca espressiva. Ne é esempio significativo il ciclo de “I fiori dell’immaginario”, nel quale la sperimentazione di tecniche pittoriche miste si unisce a una profonda riflessione sul rapporto fra l’artista e la percezione del mondo interiore, come riflesso degli aspetti armoniosi eppure diversissimi del mondo naturale. L’opera più recente rappresenta il frutto del continuo lavoro e dell’inarrestabile vena creativa dell’artista che ha saputo attraversare il tempo trascorrendone le diverse atmosfere, le luci e i colori che solo l’arte sa cogliere nella trasparenza dell’aria e della vita stessa.ENrICo BruNo NovAlINEl MoNdo.Una sua opera, “Cala dell’oro”, è conservata presso la Galleria d’Arte Moderna del Polo museale di Genova Nervi. Oltre ai premi e riconoscimenti ottenuti in ambito nazionale e internazionale, Enrico Bruno Novali è stato nominato Accademico promotore dall’Accademia ligustica di Belle Arti di Genova e membro dell’Accademia di Arti, Scienze e lettere dei “Cinquecento” di roma. Nel 2004 è stato insignito della Medaglia d’oro della CGIL dal Segretario Nazionale Sergio Cofferati. Negli anni accademici 2011/2012 e 2012/2013, l’Università degli studi di Genova gli ha dedicato due mostre personali antologiche nell’ambito della rassegna “Arteinformazione”, invitandolo a svolgere lezioni-seminario per i corsi di “Storia dell’arte contemporanea”, “Comunicazione e musei virtuali” ed “Educazione all’immagine” del corso di laurea specialistica in Scienze della Comunicazione.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore