• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / Cronaca

Affari & Annunci

Propone vendita e noleggio attrezzature: forno trivalente, cuocipasta, cappa, armadio frigo, cucine, lavapiatti, lavello, banco bar, fabbricatore ghiaccio, usati con garanzia 12...

signora referenziata cerca lavoro fisso, astenersi perditempo.Savona

alloggio signorile bipiano mq.170 box soppalco termoautonomo Classe A vendesi, inintermediari. Preferibilmente cell. al mattino

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 22 luglio 2015, 19:50

Cairo Montenotte: cibo poco gradito, i profughi entrano nella mensa del "Baccino" e lo restituiscono

Il fatto è accaduto oggi pomeriggio: dopo essere entrati nella struttura e raggiunta la cucina, gli immigrati hanno restituito il pasto giornaliero etichettandolo non di loro gradimento

Una sorta di spedizione di protesta per la qualità del cibo. E’ successo oggi nel primo pomeriggio a Cairo Montenotte, dove i profughi ospitati a Villa Raggio hanno fatto irruzione presso la casa di riposo L. Baccino per lamentarsi del cibo, ritenuto, secondo il loro parere, non di gradimento.

Da quanto emerso, i responsabili di questo “raid cibario”, tutti di sesso maschile, una volta entrati all’interno della casa degli anziani, si sono diretti nella cucina/mensa della struttura per lamentarsi con gli addetti incaricati alla preparazione dei pasti. Al termine di un dialogo accesso e molto teso, prima di uscire dalla struttura, i profughi hanno restituito il pasto giornaliero etichettandolo "non gradito".

Sulla scia della segnalazione, una pattuglia della Polizia Municipale è intervenuta per un sopralluogo. L'episodio è confermato dalla cooperativa il Faggio, che gestisce Villa Raggio. "Intensificheremo la sorveglianza nella struttura, fanno sapere della cooperativa, perchè non si verifichino più episodi del genere. Ovviamente ora provvederemo a trovare soluzioni alternative affinchè i pasti vengano preparati da un'altra parte".

"Ci scusiamo con gli ospiti della casa di riposo. E' evidente però che i profughi devono rispettare delle regole di convivenza civile: noi abbiamo indicazioni precise dalla Questura su questo punto. A chi non le rispetta verrà tolta la tutela", conclude la cooperativa.

"Abbiamo chiesto alla cooperativa il Faggio, commenta Giorgia Ferrari, presidente della Fondazione Baccino, proprietaria dell'omonima casa di riposo, maggiori controlli sia per questa struttura che per Villa Raggio".

"Abbiamo inoltre preteso che i pasti non vengano più preparati qui, anche perchè non abbiamo mai ricevuto comunicazioni in tal senso. E' giusto evitare commistione con gli ospiti della casa di riposo", conclude la Ferrari.

Graziano De Valle e Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore