/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 13 dicembre 2017, 17:00

Nuovo regolamento per le immersioni sui relitti "Albenga A" e "Albenga B"

Emanata l'ordinanza che regolamenta le immersioni subacquee sui relitti presenti nelle acque prospicienti il Comune di Albenga, non lontano dall’isola Gallinara.

Nuovo regolamento per le immersioni sui relitti "Albenga A" e "Albenga B"

È stata emanata l’ordinanza 160/2017 che approva il regolamento disciplinante le modalità di immersione sui relitti denominati ALBENGA A e ALBENGA B. In una realtà di proficua collaborazione con la Soprintendenza dei beni archeologici della Liguria, ed a seguito di un continuo e costante lavoro di monitoraggio dei relitti e catalogazione dei reperti, l’ordinanza mira a superare il vecchio regime di divieto di immersione vigente per i relitti ALBENGA A e ALBENGA B.

I relitti si trovano nelle acque prospicienti il Comune di Albenga, non lontano dall’isola Gallinara, ad una profondità di circa 40 metri e sono costituiti da due navi romane con carico di anfore. Rappresentano un monumento storico importante per l’archeologia italiana sia per lo studio dei traffici commerciali nel Mar Ligure sia per il numero reperti archeologici ancora intatti e ben conservati che offre. Le immersioni sono ora regolamentate con regime di autorizzazione. I siti saranno aperti nell’ultima settimana intera di ogni mese a partire da aprile sino a novembre di ogni anno.

I centri di immersione interessati ad ottenere l’autorizzazione ad operare dovranno possedere i requisiti previsti dal regolamento all’articolo 2 tra cui l’aver maturato almeno tre anni di collaborazione con la Soprintendenza sui siti sottoposti a particolare tutela dell’Isola Gallinara. Le domande, corredate dalla documentazione prevista dal regolamento, andranno presentate presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Loano Albenga entro il 10 febbraio 2018.

Una volta autorizzati, i centri di immersione assumono determinate obbligazioni tra cui il rispetto dei limiti di sicurezza nell’effettuare le immersioni: la durata massima dell’immersione in curva non può superare i 15 minuti ed il numero massimo di partecipanti è fissato in 12 subacquei contemporaneamente con due guida autorizzate (1 guida ogni 6 subacquei partecipanti).

Come già avviene per i siti dell’Isola Gallinara, esiste un applicativo web di registrazione delle immersioni, su cui i centri di immersione devono registrare i partecipanti e che consente di bloccare le prenotazioni una volta raggiunti, per determinati slot orari, i numeri massimi consentiti. Ciò garantisce anche la rilevazione dei dati statistici di affluenza e permette controlli più rapidi ed efficaci da parte dell’Autorità Marittima. Rimangono in essere i divieti di pesca, ancoraggio ed ogni attività di immersione non autorizzata a norma dell’ordinanza e del regolamento

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore