/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 12 aprile 2011, 07:04

Il MODA a Burlando e ai sindaci di Vado e Quiliano: no al potenziamento a carbone, si a metanizzazione completa

Il MODA a Burlando e ai sindaci di Vado e Quiliano: no al potenziamento a carbone, si a metanizzazione completa

"La proposta ufficiale della Regione a T. Power presso la Conferenza dei Servizi al Ministero delle Attività produttive a Roma è in realtà un potenziamento a carbone: dai 660 MWe attuali si passerebbe complessivamente a 920 MWe a carbone (2 gruppi nuovi da 460 MWe ciascuno).

Si propone di violare apertamente la normativa Ue e italiana consentendo ai 2 vecchi gruppi a carbone "fuorilegge" di continuare a inquinare massicciamente il territorio per diversi anni ancora . La proposta stessa votata in Regione infatti prevede che nel periodo transitorio fino all’anno 2016 per il completamento del 1° gruppo a carbone da 460 Mw, e cioè per almeno 5 anni, possano continuare a funzionare i 2 vecchi gruppi a carbone che anche se fossero ristrutturati non potrebbero mai rispettare i valori di emissione compatibili con la certificazione AIA.

I 2 VECCHI GRUPPI A CARBONE NON A NORMA CON LA DIRETTIVA AIA INVECE ANDREBBERO CHIUSI E DEMOLITI SUBITO.
L’ INQUINAMENTO DA CARBONE ANDREBBE ALMENO RIDOTTO SUBITO IMPONENDO LA METANIZZAZIONE COMPLETA DELLA CENTRALE (A PARITA’ DI POTENZA L’INQUINAMENTO SI RIDURREBBE SUBITO A 1/10 RISPETTO A QUELLO ATTUALE)

La proposta di Burlando di costruire 2 nuovi gruppi a carbone di potenza superiori agli attuali infatti sarebbe giustificata dal Governatore regionale con il presunto non aumento dell’inquinamento attuale. Ma l’inquinamento attuale è già fuori legge in quanto prodotto da gruppi con valori emissioni ben superiori a quelli consentiti dalla Ue.


RITENIAMO PERICOLOSAMENTE CONTRADDITTORIA ANCHE LA POSIZIONE DEI SINDACI DI VADO E QUILIANO CHE OGGI CONDIVIDONO LA POSIZIONE DI BURLANDO:

Perché oggi, appoggiando la proposta di Burlando, promuovono un potenziamento a carbone quando fino a ieri si erano mostrati del tutto contrari.
Perché continuando ad accettare il carbone in centrale implicitamente accettano anche la pericolosissima combustione del rifiuto CDR in centrale (possibile solo sui gruppi a carbone e non su quelli a metano) , prevista a pag. 170 del Piano Provinciale Rifiuti approvato da Provincia e Regione per 36.000 – 48.000 tonnellate/anno, con tutte le conseguenze sanitarie di danni gravissimi alla popolazione per emissione di elevate quantità di diossine e metalli pesanti teratogeni e cancerogeni in aggiunta ai fumi del carbone.


Ricordiamo ai Sindaci di Vado e Quiliano le delibere del 1990 dei loro Comuni che chiedevano per la Centrale di Vado "DEPOTENZIAMENTO E COMPLETA METANIZZAZIONE" come proposto dall’Istituto Superiore di Sanità - Commissione Scientifica di Spotorno nel 1988, dal Comune di Savona nel 2007 e dall’Ordine dei Medici della Provincia di Savona. Oggi invece i Sindaci, prendendo una posizione ancora a favore del carbone, appaiono in netto contrasto con il ruolo attribuito loro dalla Legge italiana che li definisce come i primi difensori della salute pubblica.

Savona 11 Aprile 2011

Dr. Virginio Fadda

Dr. Agostino Torcello MODA Savona

Com. MoDA

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium