/ Attualità

Attualità | 12 aprile 2011, 07:04

Il MODA a Burlando e ai sindaci di Vado e Quiliano: no al potenziamento a carbone, si a metanizzazione completa

Il MODA a Burlando e ai sindaci di Vado e Quiliano: no al potenziamento a carbone, si a metanizzazione completa

"La proposta ufficiale della Regione a T. Power presso la Conferenza dei Servizi al Ministero delle Attività produttive a Roma è in realtà un potenziamento a carbone: dai 660 MWe attuali si passerebbe complessivamente a 920 MWe a carbone (2 gruppi nuovi da 460 MWe ciascuno).

Si propone di violare apertamente la normativa Ue e italiana consentendo ai 2 vecchi gruppi a carbone "fuorilegge" di continuare a inquinare massicciamente il territorio per diversi anni ancora . La proposta stessa votata in Regione infatti prevede che nel periodo transitorio fino all’anno 2016 per il completamento del 1° gruppo a carbone da 460 Mw, e cioè per almeno 5 anni, possano continuare a funzionare i 2 vecchi gruppi a carbone che anche se fossero ristrutturati non potrebbero mai rispettare i valori di emissione compatibili con la certificazione AIA.

I 2 VECCHI GRUPPI A CARBONE NON A NORMA CON LA DIRETTIVA AIA INVECE ANDREBBERO CHIUSI E DEMOLITI SUBITO.
L’ INQUINAMENTO DA CARBONE ANDREBBE ALMENO RIDOTTO SUBITO IMPONENDO LA METANIZZAZIONE COMPLETA DELLA CENTRALE (A PARITA’ DI POTENZA L’INQUINAMENTO SI RIDURREBBE SUBITO A 1/10 RISPETTO A QUELLO ATTUALE)

La proposta di Burlando di costruire 2 nuovi gruppi a carbone di potenza superiori agli attuali infatti sarebbe giustificata dal Governatore regionale con il presunto non aumento dell’inquinamento attuale. Ma l’inquinamento attuale è già fuori legge in quanto prodotto da gruppi con valori emissioni ben superiori a quelli consentiti dalla Ue.


RITENIAMO PERICOLOSAMENTE CONTRADDITTORIA ANCHE LA POSIZIONE DEI SINDACI DI VADO E QUILIANO CHE OGGI CONDIVIDONO LA POSIZIONE DI BURLANDO:

Perché oggi, appoggiando la proposta di Burlando, promuovono un potenziamento a carbone quando fino a ieri si erano mostrati del tutto contrari.
Perché continuando ad accettare il carbone in centrale implicitamente accettano anche la pericolosissima combustione del rifiuto CDR in centrale (possibile solo sui gruppi a carbone e non su quelli a metano) , prevista a pag. 170 del Piano Provinciale Rifiuti approvato da Provincia e Regione per 36.000 – 48.000 tonnellate/anno, con tutte le conseguenze sanitarie di danni gravissimi alla popolazione per emissione di elevate quantità di diossine e metalli pesanti teratogeni e cancerogeni in aggiunta ai fumi del carbone.


Ricordiamo ai Sindaci di Vado e Quiliano le delibere del 1990 dei loro Comuni che chiedevano per la Centrale di Vado "DEPOTENZIAMENTO E COMPLETA METANIZZAZIONE" come proposto dall’Istituto Superiore di Sanità - Commissione Scientifica di Spotorno nel 1988, dal Comune di Savona nel 2007 e dall’Ordine dei Medici della Provincia di Savona. Oggi invece i Sindaci, prendendo una posizione ancora a favore del carbone, appaiono in netto contrasto con il ruolo attribuito loro dalla Legge italiana che li definisce come i primi difensori della salute pubblica.

Savona 11 Aprile 2011

Dr. Virginio Fadda

Dr. Agostino Torcello MODA Savona

Com. MoDA

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium