/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 28 ottobre 2019, 14:44

"Vetrine d'artista" a Savona: espone Alessia De Stefano

Così il critico d'arte Silvia Bottaro: "Personalità creativa giovane, ma già ricca di pathos e di talento di capacità tecnica molto personale"

Immagine: Alessia De Stefano, Maschera,  tecnica mista.

Immagine: Alessia De Stefano, Maschera, tecnica mista.

Per l'iniziativa "Vetrine d’artista" presso la Banca Carige, ex Carisa, in corso Italia a Savona espone Alessia De Stefano dal 4 novembre al 4 dicembre 2019. L'inaugurazione è in programma per il 4 novembre 2019, ore 10.

Curatrice della mostra è Silvia Bottaro, presidente della Associazione “Aiolfi” no profit, Savona e critico d’arte.

Così Silvia Bottaro su Alessia De Stefano: "Personalità creativa giovane, ma già ricca di pathos e di talento di capacità tecnica molto personale, alla ricerca della “sua via” dove lasciare un’impronta particolare e soggettiva. Tra echi dalla pop art, colori accesi, sensibilità compositiva, indagine, esplorazione originale, intrinseca, financo autografa in qualche maniera, del tema trattato, scrive pagine insolite, un po’ eccentriche, mai banali, dove emerge forte la sua volontà di fare e di lasciare il segno.

E’ bello questo suo modo di cercare sé e la propria ispirazione, ricerca legata alla storia dell’arte, a quella più di rottura (la pop art con i suoi miti) e connessa palesemente o nascostamente alla pubblicità, alla settima arte. Composizioni, quindi, coinvolgenti e interessanti, come i suoi nudi sempre eleganti e garbati: il Bello è rintracciato e bramato sia nella natura umana sia nella comunicazione attuale, sia essa virtuale o pittorica.

Quest’ultima pare assumere per la Nostra il valore di una pagina personale, quasi un diario del suo “viaggio” all’intorno. Volti aperti a poter guardare l’anima, maschere della contemporaneità poste sul volto umano per difendersi dalla globalità imperante, oppure, come nel teatro della vita, poste in essere per timidezza o sfrontatezza o per individuare infanzie perdute, oppure i graffi di una vita spericolata di chi è in fuga perenne alla ricerca spasmodica della verità. Il nero scenografico è lo sfondo a temporale dove corpi, volti levigati, come ciottoli di fiume, emergono alla maniera di “paesaggi” interiori da indagare".

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium