/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 25 novembre 2019, 16:50

Il sottosegretario ai trasporti Margiotta: "Lo spostamento a monte della ferrovia sarà realtà". Presentato ad Albenga un progetto da 1,5 milioni di euro

Gli onorevoli Vazio e Ripamonti: "Progetto definitivo già approvato, mettervi mano ora significherebbe solo dilatare i tempi"

Il sottosegretario ai trasporti Margiotta: "Lo spostamento a monte della ferrovia sarà realtà". Presentato ad Albenga un progetto da 1,5 milioni di euro

Doveva essere un incontro festoso, incentrato fortemente su un tema importante come il raddoppio ferroviario, quello in programma oggi in Comune ad Albenga. E invece, alla luce di un weekend di maltempo dalle proporzioni mai viste, l'incontro con il sottosegretario alle infrastrutture e ai trasporti, senatore Salvatore Margiotta, si è trasformato nell'ennesima occasione per fare il punto su una viabilità ancora una volta strozzata e messa in ginocchio dalle forze della natura.

Da quando era stato annunciato questo appuntamento, tante cose sono successe: la mareggiata che ha costretto al binario singolo la circolazione ferroviaria tra Albenga e Loano, i fenomeni franosi sulla tratta di San Giuseppe di Cairo e, non ultimo, il crollo del viadotto della A6 tra Savona e Altare.

Si è parlato di tutto questo ma, soprattutto, si è parlato del tema per il quale il sottosegretario Margiotta è giunto ad Albenga: lo spostamento a monte del tracciato ferroviario con relativo doppio binario, velocità di percorrenza di 200 km/h e minor rischio idrogeologico rispetto a una ferrovia esposta alle mareggiate come quella attuale, a patto di rinunciare a qualche stazione (Ceriale, Borghetto e Loano, ad esempio, saranno accorpate in una sola).

Si tratta di qualcosa di faraonico, del costo complessivo di 1,5 miliardi di euro, dei quali 200 milioni già stanziati dal governo. Un progetto, quindi, del quale si parla ormai da quasi 70 anni ma che sta per diventare realtà, anche se al momento è impossibile fare una stima delle tempistiche.

Gli onorevoli Franco Vazio e Paolo Ripamonti, entrambi presenti, hanno sottolineato che il progetto definitivo è già approvato e che sarebbe una follia pensare di metterci mano, perché significherebbe una ulteriore dilatazione dei tempi.

L'On. Franco Vazio sottolinea: "Vorrei ringraziare i sindaci e i consiglieri che in queste giornate si sono trasformati in operatori della protezione civile. Impossibile non parlare oggi del crollo del viadotto sull'A6 che poteva essere una immane tragedia.

Credo che sia necessario reperire risorse per intervenire in urgenza, ma anche per riuscire a costruire nuove opere in grado di superare una debolezza infrastrutturale che purtroppo esiste in questo territorio. La Liguria ha subito il crollo del Ponte Morandi che l'ha divisa in due e adesso si è aggiunta una grave difficoltà nei collegamenti con il Piemonte.

Dobbiamo creare le condizioni politiche per costruire infrastrutture che non mandino in sofferenza la nostra economia. Il raddoppio ferroviario non è importante solo per il turismo, ma anche per il commercio e rappresenta una necessità specie in una logica emergenziale come quella che stiamo vivendo".

Afferma Riccardo Tomatis, sindaco di Albenga: "Il tema del raddoppio ferroviario e delle infrastrutture è importantissimo, specie in un territorio fragile come il nostro. Proprio in considerazione di questa fragilità, naturalmente, vorrei sottolineare che lo spostamento a monte della ferrovia deve prendere in considerazione anche il mantenimento della massicciata ferroviaria che protegge la nostra piana e deve essere soggetta a manutenzione".

Presenti al dibattito quasi tutti i sindaci e i pubblici amministratori del comprensorio interessato, che, pur tutti concordi riguardo all'importanza del progetto in sé, hanno manifestato alcune perplessità di tipo tecnico, alle quali il senatore ha risposto.

Alberto Sgarlato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium