/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 14 febbraio 2020, 11:02

Operazione "Green Country", i carabinieri della compagnia di Alassio sequestrano cannabis 'light' destinata allo spaccio (FOTO e VIDEO)

Ben 34 kg con un valore doppio e in molti casi triplo, del principio attivo consentito

Operazione "Green Country", i carabinieri della compagnia di Alassio sequestrano cannabis 'light' destinata allo spaccio (FOTO e VIDEO)

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia carabinieri di Alassio, nel periodo di tempo tra i mesi di novembre 2019 – gennaio 2020, hanno proceduto al controllo di aziende che operano nel settore della floricoltura e, più specificatamente, nella coltivazione e produzione della cannabis light (c.d. legale).

In tale ambito l’attenzione è ricaduta sul ciclo produttivo generato da un’azienda dell’entroterra alassino, tra i Comuni di Villanova d’ Albenga e Cisano sul Neva. In particolare è stato verificato se la cannabis “coltivata” ovvero quella prodotta ed avente il “principio attivo” superiore a quello stabilito dalle normative vigenti (non considerata light ovvero legale) venisse distrutta o, come spesso accade, “trattata” - attraverso le consuete procedure di essiccazione - ed immessa sul “mercato” per essere venduta nel vasto mercato “clandestino” (dello spaccio). 

In questo quadro, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alassio, hanno avviato una vasta e capillare attività investigativa caratterizzata da numerosi servizi di “osservazione” effettuati nell’area di coltivazione e produzione dell’azienda in questione nonchè accertamenti catastali e lettura di carte (mappali).

Tutto questo ha permesso di accertare, in via prioritaria, che l’azienda in questione nel 2019, rispetto all’anno precedente, aveva implementato il ciclo produttivo della cannabis aumentando le estensioni terriere adibite alla coltivazione.

Su tali presupposti, i militari del sopra indicato reparto hanno attenzionato l'azienda procedendo ad attività di perquisizioni ed ispezioni alla pluralità di coltivazioni di cannabis presenti nell’azienda e del conseguente sequestro conservativo - scopo “campionamento” - della cannabis volto a quantificare, con certezza, il c.d.  “principio attivo” ovvero l’eventuale capacità “drogante”. Contestualmente i militari dell'Arma hanno rivelato la presenza di locali, dotati di apposita strumentazione, ove la cannabis veniva “trattata” per l’essiccazione.   

La cannabis sequestrata, e campionata, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona (Sost. Dr. Massimiliano Bolla), è stata conferita presso un laboratorio di analisi (Agenzia delle Dogane di Savona). Qui, in sede peritale, su ben 34 Kg. di cannabis (di diverse qualità soprattutto marijuana) è stato accertato un valore doppio (e in molti casi triplo) del “principio attivo” consentito, ossia oltre i parametri delle norme vigenti. 

In sede di una più completa e analitica valutazione, è stato stabilito che dai 34 kg di marijuana, potevano ricavarsi oltre 11.000 dosi (medie singoli) per un valore, al dettaglio, pari 150.000 €. I gestori dell’azienda sono stati deferiti in stato di libertà, all'Autorità Giudiziaria, in violazione all’art. 73, co. 1 e 4 D.P.R. 309/90  (produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui alle tabelle II e IV dall’articolo 14 del sopra indicato D.P.R.).

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium