/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 26 marzo 2020, 12:46

Sciopero benzinai, al momento nessuna chiusura. Ministro Patuanelli: "Convocato un tavolo tecnico"

"Come molte altre categorie, i benzinai svolgono un ruolo cruciale e necessario che in questo momento delicato risulta indispensabile per non fermare il Paese"

Sciopero benzinai, al momento nessuna chiusura. Ministro Patuanelli: "Convocato un tavolo tecnico"

"Mi sono impegnato a convocare, nel più breve tempo possibile, un tavolo tecnico tra Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell'Economia e delle Finanze e Ministero Del Lavoro E Delle Politiche Sociali, per valutare tutte le misure che siamo in grado di adottare a favore della categoria".

Queste le parole del Ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli dopo la conference call avuta con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli e con le associazioni dei gestori degli impianti di benzina.

"Come molte altre categorie, i benzinai svolgono un ruolo cruciale e necessario che in questo momento delicato risulta indispensabile per non fermare il Paese" ha continuato Patuanelli.

Martedì scorso i sindacati di categoria avevano proclamato a partire da mercoledì notte la chiusura progressiva dei distributori (partendo da quelli della rete autostradale passando poi per i raccordi, le tangenziali arrivando alla viabilità ordinaria) in tutto il Paese perché "da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio".

"In questi giorni le decisioni vengono prese in tempi ristrettissimi, cercando di fronteggiare al meglio le emergenze e di proteggere tutti i lavoratori più coinvolti. Stiamo agendo in una situazione delicata, inimmaginabile per tutti noi, ma lo stiamo facendo davvero con tutte le nostre forze, per quasi 24 ore al giorno" ha continuato Patuanelli.

Sembrerebbe una tregua ma il rischio di arrivare alla chiusura sarebbe molto in quanto i gestori stanno esaurendosi le scorte e inoltre non ci sono le liquidità per acquistare e le compagnie non portano il prodotto se non vengono pagate.

Luciano Parodi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium