/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 04 luglio 2020, 13:30

Cisano sul Neva è sempre più "green": arriva la nuova colonnina di ricarica per veicoli elettrici e ibridi

Un percorso virtuoso di tutela dell'ambiente e di risparmio economico che passa anche attraverso la riqualificazione del plesso scolastico e della illuminazione pubblica

Cisano sul Neva è sempre più "green": arriva la nuova colonnina di ricarica per veicoli elettrici e ibridi

Prosegue il percorso di Cisano sul Neva verso la totale trasformazione in città “green”: grande attenzione all’impatto ambientale e al rispetto della natura, ma altrettanta attenzione al portafoglio dei cittadini, grazie a un tangibile risparmio energetico.

Cisano sul Neva è infatti il primo comune della vallata immediatamente alle spalle della Piana Ingauna a poter annunciare la presenza di una colonnina di ricarica per autovetture ibride ed elettriche.

Abbiamo effettuato stamattina un sopralluogo nel parcheggio del palazzo comunale, dove l’impianto è stato posizionato, per osservare l’avanzamento dell’opera. Spiega in merito il sindaco Massimo Niero: “Sono stati ultimati i lavori edili, cioè di posizionamento della struttura. Prevediamo entro la seconda metà di luglio di completare anche gli allacci elettrici e la segnaletica che indica la colonnina. Essa sarà dotata di una torre con due punti di ricarica per le automobili che si posizioneranno nei due parcheggi attigui. Grazie alle ricariche che questa azienda effettuerà, Cisano sul Neva potrà offrire questo servizio in più ai cittadini e ai visitatori a costo zero per la nostra amministrazione”.

Ma questo percorso, che potremmo chiamare “Operazione Cisano Green”, prosegue anche negli edifici scolastici. Ci illustra il primo cittadino: “Quanto già intrapreso con la palestra scolastica è stato esteso anche alla riqualificazione energetica della scuola. Abolita la vecchia caldaia a gasolio, è stata sostituita da una moderna pompa di calore di grandi dimensioni. Tutti i radiatori lasceranno il posto ai termoconvettori, mentre sul tetto arriverà il fotovoltaico. Esso ci darà un intero plesso del tutto autosufficiente in termini energetici e a emissioni zero”.

Questa operazione ha comportato investimenti per circa 100mila euro, dei quali circa il 50% ricavato dal contributo ministeriale a fondo perduto sull’efficientamento energetico.

È interessante sottolineare anche quale utilizzo alternativo è stato concepito per la caldaia a gasolio dismessa: adeguatamente bonificata e riqualificata, è stata trasformata in una cisterna per la raccolta delle acque meteoriche (cioè piovane) che vengono veicolate ad uso irriguo e sanitario (cioè gli scarichi dei WC). Una parte della cisterna è stata invece abbellita ed è diventata un’aiuola di fronte alle scuole. Lo spazio verde è abbellito da un ulivo secolare fornito dai Vivai Montina.

Conclude il sindaco Massimo Niero: “Tutto è iniziato con la sostituzione nei lampioni cittadini degli interi corpi illuminanti con led di ultima generazione. Un’operazione che si è autofinanziata grazie al tangibile impatto sulle bollette. E non stiamo parlando solo di risparmio: abbiamo una città più luminosa, quindi più sicura, e dotata di corpi illuminanti dal design moderno, quindi anche più bella da vivere. Il percorso si è articolato in diverse tranche e oggi possiamo dire che tutta Cisano, dal centro alle frazioni, è illuminata con la tecnologia a led. Prevediamo infine che l’ultimo step sarà una serie di interventi di efficientamento sul palazzo comunale, che comunque già gode di un impianto virtuoso a pompe di calore”.

A. Sg.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium