/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 30 aprile 2021, 18:15

Celle, minoranza all'attacco sui Consigli comunali in videoconferenza: "Solo adesso che la maggioranza è sistematicamente risicata"

Uniti per Celle: "Aria Nuova si attacca a qualunque cosa pur di non riconoscere che la loro è una maggioranza che scricchiola!"

Celle, minoranza all'attacco sui Consigli comunali in videoconferenza: "Solo adesso che la maggioranza è sistematicamente risicata"

"Un anno fa, durante il lockdown, avevamo proposto al Sindaco di Celle Ligure l’utilizzo delle videoconferenze per lo svolgimento degli incontri istituzionali con lo scopo di minimizzare i rischi di contagio, quindi, in linea di principio, siamo favorevoli a tali strumenti ma ovviamente l’arroganza della maggioranza non ha dato seguito a questa proposta. Solo adesso che la maggioranza è sistematicamente risicata decide di adottare la modalità della videoconferenza per i consigli comunali stravolgendone, tuttavia, il principio su cui si basano". Così il Gruppo Consiliare Uniti per Celle, minoranza del Comune di Celle guidata da Remo Zunino.

"Il documento dell’ANCI in materia specifica all’art.1 le modalità di svolgimento 'delle sedute del Consiglio comunale che si tengono mediante videoconferenza o audioconferenza da remoto, in caso di esigenze straordinarie connesse ad eventi eccezionali ed imprevedibili, nonché in presenza di uno stato di emergenza'. Il sindaco Caterina Mordeglia ha modificato le condizioni propedeutiche a tale modalità di incontro riducendole a 'in caso di necessità e/o per motivazioni eccezionali' con il dichiarato intento di utilizzare questo strumento per dare - citiamo testualmente - 'la possibilità attraverso la modalità a distanza di permettere la partecipazione di Consiglieri che per motivazioni non ininfluenti, quali un periodo di lavoro all’estero non siano in condizione di essere fisicamente presenti' " prosegue la nota.

"Sembra che Aria Nuova dimentichi o voglia dimenticare che: le regole comuni dovrebbero essere definite congiuntamente e servono a garantire i diritti ma anche i doveri di tutti e in nessun modo devono assecondare gli interessi del singolo; tutti noi siamo consiglieri protempore!; Il centro della politica di indirizzo amministrativo è la sede del Consiglio Comunale e non i salotti e divani dei singoli luoghi abitativi e non, dei consiglieri. Quando si da la disponibilità a candidarsi si decide liberamente di portare il proprio contributo e dedicare parte del proprio tempo alla gestione del nostro paese, nel rispetto dei ruoli e delle istituzioni. La maggioranza avrebbe diritto a otto consiglieri ma solo sei sono regolarmente presenti!".

"Aria Nuova si attacca a qualunque cosa pur di non riconoscere che la loro è una maggioranza che scricchiola! Basta una sola assenza in più nelle file della maggioranza e, senza il contributo dei consiglieri di minoranza, non vi sarebbe il numero legale. Già in passato il senso di responsabilità della minoranza ha evitato che il consiglio comunale venisse sospeso. L’unico interesse che muove alla modifica del Regolamento del Consiglio Comunale è avere il numero legale, che negli ultimi consigli è sempre stato al limite per le continue defezioni nei banchi della maggioranza. Cosa ci proporrà Aria Nuova in futuro per garantirsi il numero legale, un messaggino?!" concludono infine dalla minoranza cellese.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium