/ Attualità

Attualità | 26 ottobre 2021, 20:15

Funivie, Cgil Cisl Uil Savona e categorie Fit Filt Uiltrasporti: "La politica, nazionale e locale, dia dei segnali concreti"

"Sembrerebbe che la ragioneria ieri non abbia 'bollinato' l'emendamento per mancanze delle coperture economiche. Se ciò fosse confermato, sarebbe una tragedia"

Funivie, Cgil Cisl Uil Savona e categorie Fit Filt Uiltrasporti: "La politica, nazionale e locale, dia dei segnali concreti"

"I Ministeri dei trasporti e delle finanze non affossino Funivie e il territorio savonese. Hanno la responsabilità di oltre 60 posti di lavoro, che potrebbero diventare molto di più con il progetto integrato ferro- fune e parchi, e di una infrastruttura strategica per l'intero paese". Così, attraverso una nota congiunta, Cgil Cisl Uil Savona e le categorie Fit Filt Uiltrasporti.

"Sono due anni che cerchiamo una interlocuzione con il Mit e proponiamo soluzioni - proseguono - Ora basta, chi ha la responsabilità di 'governare politicamente' questi processi lo faccia e lo faccia per il bene del paese, dei lavoratori e per lo sviluppo. Non il contrario. In queste ore il MEF e il governo sono chiamati a decidere il presente e il futuro dell'infrastruttura e degli oltre 60 lavoratori. Da notizie, purtroppo molto confuse e parziali, sembrerebbe che la ragioneria ieri non abbia 'bollinato' l'emendamento per mancanze delle coperture economiche. Se ciò fosse confermato, sarebbe una tragedia. Minerebbe il presente e soprattutto il futuro di funivie e dell'intera filiera delle rinfuse. Ci sono miliardi di euro disponibili per la transizione energetica ed ecologica, tutti si riempiono la bocca sulla tutela dell'ambiente e oggi a distanza di due anni una delle infrastrutture più ecologiche presenti in Europa rischia di non avere le coperture economiche per il ripristino? Pazzia". 

"È incredibile, questa sceneggiata, le risorse c'erano (circa 5 milioni di euro per il ripristino, più le risorse per la concessione) ed erano già allocate, oggi a distanza di quasi due anni - da novembre del 2019 - si accorgono che non ci sono coperture. È necessario che la politica nazionale e locale - così come si sono impegnati a fare non più tardi degli ultimi 20 giorni (Giorgetti, Orlando in primis) dia dei segnali concreti e non giochi con le persone. Se in queste ore non ci sarà una soluzione le responsabilità saranno molto chiare a tutti. Questa notte c'è stato un'altro incidente sulle strade della nostra Provincia che ha interessato un camion che trasportava carbone per la cokeria, l'ennesimo in questi 24 mesi. E' la dimostrazione, semmai ce ne fosse bisogno, che l'infrastruttura è fondamentale anche per la sicurezza".

"Sul problema Funivie il territorio tutto si è impegnato a fare in modo che ci potesse essere un presente, con la salvaguardia del reddito e del posto di lavoro di tutti gli occupati, e un futuro con la ricostruzione e il progetto integrato fune- ferro - parchi per le rinfuse più in generale. Sindacati, parlamentari savonesi, sindaci e lavoratori. Ora è tempo delle decisioni, è tempo che la politica dia un segnale forte a favore del lavoro, dei lavoratori e del territorio. Non si possono gestire temi come questo con la superficialità dimostrata in questo frangente. Che ne sarà della gestione degli oltre 300 miliardi che il nostro paese sarà chiamato a mettere a terra nei prossimi sei anni? Che ne sarà del futuro di questo Paese rispetto ai cambiamenti che saremo chiamati a 'governare'? La sensazione è quella che ancora una volta il nostro Paese non sarà in grado di fare passi avanti, pur con tanti tanti soldi, né sulla tutela ambientale, né sul lavoro di qualità" concludono Cgil Cisl Uil Savona e le categorie Fit Filt Uiltrasporti.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium