/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | giovedì 03 aprile 2014, 11:00

A Finale Ligure una "Hall of fame" dedicata alla festa dell'Inquietudine e agli Inquieti dell'anno

Inaugurazione giovedì 15 maggio

A Finale Ligure una "Hall of fame" dedicata alla festa dell'Inquietudine e agli Inquieti dell'anno

 

Una “Hall of Fame” dedicata alla Festa dell’Inquietudine e agli Inquieti dell’Anno sarà inaugurata giovedì 15 maggio a Finale Ligure, in occasione dell’apertura della settima edizione della Festa.

Il luogo scelto per ospitare foto, locandine, articoli e altre “memorabilia” è la sala che si trova al secondo piano dell’Oratorio de’ Disciplinanti del Complesso monumentale di Santa Caterina a Finalborgo.

“La Sala dell’Inquietudine sarà permanente. - spiega l’assessore al turismo e alla cultura del Comune di Finale Ligure, Nicola Viassolo – Sarà un modo per ricordare durante tutto l’arco dell’anno la Festa e testimoniarne la valenza attraverso le tante personalità del mondo dello spettacolo, della cultura, dello sport e della vita pubblica che hanno ricevuto il premio “Inquieto dell’Anno” o hanno partecipato alle edizioni della rassegna, che dal 2008 si tiene ogni anno a Finale”.

 

Questo l’Albo d’oro del premio Inquieto dell’Anno:

 

2012    Guido Ceronetti

2011    Ferruccio de Bortoli – Abitanti de L’Aquila

2010    Renato Zero

2009    Elio (di Elio delle Storie tese)

2008    Don Luigi Ciotti

2007    Milly e Massimo Moratti

2006    Raffaella Carrà

2005    Règis Debray

2004    Costa-Gavras

2003    Oliviero Toscani

2002    Barbara Spinelli

2001    Antonio Ricci

2000    Gino Paoli

1998    Francesco Biamonti

1997    Gad Lerner

1996    Carmen Llera Moravia

 

“Il Premio è una simpatica attestazione pubblica al personaggio che, indipendentemente dai suoi campi di interesse o di attività, si sia contraddistinto per il suo essere inquieto. – spiegano al Circolo degli Inquieti - Caratteristica comune dell’inquieto è la vivacità intellettuale e sentimentale, il desiderio, mai completamente soddisfatto, di conoscere e di conoscersi, di comprendere se stesso e gli altri, di intendere il conosciuto e il conoscibile, di percepire il mistero, di intraprendere iniziative e avventure nuove”.

Quest’anno il premio sarà consegnato nel pomeriggio del 18 maggio al pianista Ramin Bahrami, dal 1987 profugo dall'Iran, stimato tra i massimi interpreti di Johann Sebastian Bach e delle sue Fughe. Nella premiazione sarà affiancata  al grande pianista esule l’isola di Lampedusa.

La Festa dell’Inquietudine è organizzata dal Circolo degli Inquieti, in collaborazione con il Comune di Finale Ligure, la Regione Liguria, la Provincia di Savona, la Fondazione De Mari e la Camera di Commercio di Savona.

 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore