/ Attualità

Affari & Annunci

cerco trilocale Vado Ligure, massimo 65000 Euro . pagamento immediato.

vendo banco da officina mt. 4x 1,10 h 90cm sega a nastro mod. SN212P valex trapano a colonna mod. TR16R valex solo contatto telefonico

Kettler Kadett cilindro idraulico 12 livelli distanza regolabile sedile a rulli lacci per piedi kg.130 vendesi. Savona

Che tempo fa

24 Ore

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | venerdì 17 febbraio 2017, 18:33

Sanzioni europee sulla pesca, Renata Briano: “Le norme sono troppe e spesso troppo severe"

La vice presidente della Commissione Pesca al Parlamento europeo invita le destre estreme a collaborare a Bruxelles: “Quando c'è da lavorare serve 'Chi l'ha visto' per trovarli”

L'europarlamentare Renata Briano ha appreso con grande soddisfazione la decisione del Partito Democratico di presentare una risoluzione in cui si invita il Governo a rivedere la contestata legge n. 154 del 28 luglio 2016, in materia di sanzioni e di sistemi di controllo. “Reputo importante adattare le sanzioni e i sistemi di controllo alle peculiari dimensioni delle imprese nazionali – ha spiegato la vice presidente della Commissione Pesca al Parlamento europeo -. Ho sempre ritenuto e ritengo quella legge sbagliata e ingiusta”.

Una legge sbagliata e ingiusta che per Renata Briano, però, sancisce principi generali corretti. “Non dobbiamo dimenticare che queste norme, seppur troppe e spesso troppo severe, tutelano i nostri mari e quindi anche la sostenibilità della pesca, a vantaggio di tutti, anche dei pescatori – ha chiarito l'eurodeputata PD –. Il vero problema è come questa norme vengono recepite dagli Stati membri, su questo aspetto dovremmo aprire una profonda riflessione anche in Italia”.

Renata Briano nella discussione sulle norme europee legate alla Pesca ha voluto rivolgere un invito anche ai colleghi delle destre estreme che in questi giorni stanno cavalcando la protesta dei pescatori. “Invito i miei colleghi europarlamentari dei partiti di estrema destra a darmi una mano nel lavoro quotidiano per cercare di migliorare e di semplificare le norme – ha dichiarato l'europarlamentare Pd –. Confesso che molte volte per trovarli ho pensato di chiamare 'Chi l'ha visto'”.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore