/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 19 luglio 2017, 19:00

Domenica scorsa 14 km di coda sulla A10 allo svincolo per Torino: "Bisogna fare qualcosa!"

Le parole del vice sindaco di Sanremo Leandro Faraldi: "E’ una situazione da affrontare con la proprietà dell’autostrada, una delle più care in Italia, insieme agli altri colleghi dei comuni ponentini"

Domenica scorsa 14 km di coda sulla A10 allo svincolo per Torino: "Bisogna fare qualcosa!"

“Immagino che un torinese, un cuneese o comunque un turista piemontese che viene nella nostra provincia e, soprattutto a Sanremo, passi il suo tempo a pensare al rientro corredato da lunghe code, sull’autostrada A10 Genova-Ventimiglia, dettate dall’imbuto di Savona, dove lo svincolo per il Piemonte è stato costruito molto male”.

Sono le parole del vice Sindaco di Sanremo, Leandro Faraldi, pronunciate ieri nel corso della trasmissione di Radio Onda Ligure che ospita ogni settimana gli Amministratori del ponente ligure. Le parole di Leandro Faraldi, che a Sanremo ha anche la delega alla viabilità, tornano su un problema vecchio quanto l’autostrada dei fiori, che dagli anni ’60 consente un flusso veicolare più veloce tra il confine ed il capoluogo genovese ma che, con l’andar del tempo e l’aumento smisurato delle auto in circolazione, diventa spesso un ‘collo di bottiglia’.

Faraldi ha fatto l’esempio di domenica scorsa, quando allo svincolo verso il Piemonte si contavano 14 chilometri di coda: “Non voglio fare la solita polemica contro i continui lavori e restringimenti di carreggiata presenti per buona parte dell’anno – ci ha detto Faraldi – perché capisco che serva una grossa manutenzione su questa importante arteria di collegamento. Ma, sinceramente, lo svincolo di Savona è stato progettato malissimo. Una sola corsia che svolta verso il Piemonte, che in giornate di flusso normale può bastare, la domenica e durante i ‘rientri’ dei giorni festivi, diventa un vero e proprio ‘inferno’ per gli utenti”.

Faraldi evidenzia le rimostranze raccolte proprio tra i turisti che arrivano a Sanremo: “Ho parlato con molti di loro – ha detto – e sono quasi terrorizzati dalla parola ‘rientro’. La voglia per loro di trascorrere un weekend in riviera, condito da mare e tintarella è sempre elevata ma, addirittura ci sono alcuni fine settimana in cui rinunciano per il timore del rientro domenicale. E’ una situazione da affrontare con la proprietà dell’autostrada, una delle più care in Italia, insieme agli altri colleghi dei comuni ponentini. La nostra provincia è forse la più penalizzata da questa situazione, ma anche il savonese dovrebbe dire la sua”.

Una presa di posizione importante, quella di Faraldi, che fa riemergere una delle tante discussioni che animano da sempre chi utilizza l’auto e, in particolare la A10, per i propri trasferimenti nella nostra regione. Auspichiamo ovviamente un confronto tra le Amministrazioni comunali ponentine e la proprietà della A10 per trovare una soluzione ad un problema che penalizza molto il turismo della nostra regione.

Redazione SanremoNews

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium