/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 15 gennaio 2019, 12:27

Alassio piange la scomparsa di Lino Vena

Il commosso ricordo di Marco Melgrati: "Alassio perde un'altra delle sue stelle"

Lino Vena e il sindaco Marco Melgrati (foto di Silvio Fasano)

Lino Vena e il sindaco Marco Melgrati (foto di Silvio Fasano)

Se ne è andato un personaggio storico dell'Alassio dei Bei Tempi: Lino Vena, 90 anni, commerciante, per passione presentatore di spettacoli al Caffè Roma, sempre presente e disponibile tutte le volte che la città lo richiedeva. 

Di origine casertana (suo papà emigrò ad Alassio nei primi anni del 1900, esercitando la professione di sarto trasmessa a lui e al fratello Enzo scomparso anche questi alcuni anni fa), Lino si dedicava anche alla moda gestendo un negozio di grandi firme nel budello di Alassio. Ma nel tempo libero, si offriva allo spettacolo come presentatore. Era anche un un buontempone e narratore di barzellette d'effetto. Nel comunicato stampa del Comune, il sindaco Marco Melgrati gli ha reso omaggio nel ricordarlo, sottolineando di avergli conferito nel 2005 l'Alassino d'Oro. 

Così lo ricorda anche il generale Giacomo Battaglia, ora assessore della giunta Melgrati: "Presi servizio al comando delle Tenenza dei Carabinieri di Alassio nel 1975  ed il primo alassino che conobbi fu Lino Vena con il quale strinsi una sincera amicizia durata fin ad oggi. Da allora, senza interruzione, anche dopo che lasciai il comando di Alassio, Lino ha fatto parte della mia famiglia, ed era sempre presente, ovunque io fossi in Italia, ai miei eventi famigliari (matrimoni, comunioni , cresime, compleanni, ecc,). La sua scomparsa per me è paragonabile a quella di un fratello, un fratello dal cuore buono e dal carattere sensibile". 

Lino Vena è spirato serenamente lunedì 14 gennaio alle ore 14,30 presso l'Istituto Trincheri di Albenga. I funerali si svolgeranno in Sant'Ambrogio Giovedì 17 alle ore 10,30. Recita del Rosario il giorno prima alle 18 nella stessa chiesa. Lascia la moglie Anna e il figlio Michele.

"Lo ricordo nella sua sartoria, paladino di un'eleganza che non è più - le commosse parole di Marco Melgrati, sindaco di Alassio - oppure con il microfono in mano a introdurre serate ed ospiti illustri. E' stato uno dei protagonisti della vita alassina un collaboratore ma anche un critico attento e costruttivo. Penso alle lunghe telefonate in cui mi segnalava situazioni, suggeriva idee e soluzioni, in cui plaudeva a questa o quella iniziativa o opera pubblica. Era una piacevole ritualità. Era un punto di riferimento, una di quelle persone della cui amicizia ero onorato e fiero. Per questo nel 2005 avevo avuto il piacere di conferirgli l'Alassino d'Oro, proprio per il suo  ruolo a 360 gradi nella comunità alassina. Con lui scompare un protagonista degli anni ruggenti della nostra città una di quelle persone di cui era impossibile non aver mai sentito parlare, una di quelle persone che hanno contribuito a fare grande la nostra città. Una di quelle persone che non dimenticherò mai". 

Silvio Fasano

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium