/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 08 settembre 2020, 07:40

Guasto alla condotta del Roya 1 a Imperia: anche Andora rimane senz'acqua (FOTO e VIDEO)

Buona parte dell'imperiese farà i conti nuovamente con i gravi problemi delle condutture idriche. Ripercussioni anche nel ponente savonese

Guasto alla condotta del Roya 1 a Imperia: anche Andora rimane senz'acqua (FOTO e VIDEO)

Il guasto alla condotta del Roya 1 a Imperia, ha obbligato alla chiusura dell’acqua a Sanremo in zona Capo Verde, per consentire la riparazione in sicurezza che inizierà tra poco. La fuoriuscita d’acqua, infatti, era di circa 400 litri al secondo e non avrebbe consentito l’intervento.

Per l’interruzione di Capo Verde tutti i Comuni tra Costarainera e Andora rimarranno senz’acqua e, visti i tempi lunghi di ripristino Amaie e Rivieracqua hanno messo a disposizione due autobotti che si sposteranno tra le piazze dei vari comuni per l’approvvigionamento degli utenti. 

Si preannuncia una giornata campale per buona parte dell'imperiese che farà i conti nuovamente con i gravi problemi delle condutture dell’acqua, in particolare tra Imperia e il golfo dianese, andando ad intaccare anche il ponente savonese con Andora.

Una situazione annunciata, vista la precarietà della tubazione che porta il prezioso liquido in tutta la provincia di Imperia e che, oggi, sta vivendo una delle sue giornate più buie. Da tempo si parla delle problematiche legate alle condotte e, in particolare a quelle del Roya 2 che, fermo da tempo, non garantisce quella 'riserva', che oggi sarebbe stata fondamentale per evitare la chiusura totale della fornitura.

Da più di un anno la tubazione del ‘Roya 1’ nel centro di Sanremo non viene utilizzata per farci scorrere l’acqua per una serie di rotture del passato e per la sua chiusura dell’anno scorso. La zona di Levante a Sanremo è ora alimentata dal ‘Roya 2’ che, da Capo Verde torna indietro. Nel mese di giugno avevamo intervistato il presidente di Amaie, Gianluigi Pancotti, che aveva inviato una lettera a Comune, Provincia e Prefetto: "Già un anno fa avevamo fatto presente a tutti che, aver dovuto chiudere questa tubazione per motivi di sicurezza, per le rotture che non sono più imprevedibili e per la pressione che viaggia nella tubazione, abbiamo deciso di chiuderlo. In un anno non è stato fatto nulla e la situazione è leggermente peggiorata, visto che in autunno per le alluvioni, i tubi storici hanno subito delle rotture. Diciamo che stiamo vivendo una situazione più critica, anche se una delle tubazioni che scende da Tenarda è stata ripristinata”.

"Se si dovesse rompere il ‘Roya 2’ andrebbe in crisi tutto il sistema idrico perché oltre a Sanremo, questo serve anche il resto della provincia fino ad Andora. Senza dimenticare che questo tubo ha circa 50 anni e che, le manutenzioni delle infrastrutture fondamentali devono essere mantenute, altrimenti succede come per i ponti dell’autostrada. Finora è andato tutto bene – prosegue Pancotti - ed abbiamo chiuso il con il Roya 2 che è stato sufficiente. Ma dobbiamo investire risorse, prima degli eventi dannosi perché poi rischiamo di avere carenze d’acqua e gravi problemi. Proprio per questo abbiamo scritto a chi di competenza per ricordare il tutto, senza voler fare nessun terrorismo”. Il progetto per sostituire il tubo del 'Roya 1' da piazzale Vesco a Capo Verde esiste già e costa circa 8 milioni di euro.

Sempre nel mese di giugno la cosiddetta ‘Unità di crisi per il sistema Roya’, costituita dalla Prefettura dopo le riunioni in cui si denunciavano difficoltà di approvvigionamento idrico in provincia di Imperia, ha inviato un documento preoccupato al Prefetto, per gli acquedotti imperiesi per la prossima estate.

Come già scritto in altre occasioni e che ciclicamente si ripetono, anche quest’anno si è evidenziata la fragilità del sistema e che presenta situazioni al limite della sicurezza. Nella missiva inviata a giugno l'unità di crisi sottolineava il rischio che, con l’afflusso turistico, non si potesse garantire gli standard qualitativi necessari. L’impianto originale ha 50 anni e, quello più nuovo ne ha già 20 e, solo su Sanremo ci sono 5 km del Roya 1 che sono stati dismessi per ragioni di sicurezza.

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium