/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 25 ottobre 2020, 19:07

Savona, poli ecologici spostati a Villapiana: allarme rientrato dopo il confronto tra lo Sportello del Cittadino Lega, Comune e funzionari Ata

La Lega decisa: "Revisione degli orari di raccolta, con tempistiche che agevolino il personale Ata e rivedere il piano della circolazione nelle zone interessate"

Savona, poli ecologici spostati a Villapiana: allarme rientrato dopo il confronto tra lo Sportello del Cittadino Lega, Comune e funzionari Ata

"Un avviso stampato ed affisso sui cassonetti della spazzatura in alcune vie 'critiche' della città per i parcheggi selvaggi in ore notturne. Poche parole e decise, che rendevano noto agli abitanti di vie disagiate come la Pippo Garibaldi o altre di Villapiana ma non solo, che 'il polo verrà soppresso il 23 ottobre. In alternativa sarà utilizzabile il polo di Via Sardi'".

A raccontare l'accaduto è la segreteria cittadina di Savona della Lega: "Sono solo passate poche ore dalla rimozione dei cassonetti da parte del personale di Ata che il disagio, specie delle persone appartenenti alle fasce più deboli, i nostri anziani, costretti a fare ora più scalinate, discese e salite con tutti i sacchetti della raccolta differenziata al seguito, si è fatto sentire ed ha bussato allo Sportello del Cittadino della Lega Savonese presente in numerose realtà ed in contatto con i vari comitati spontanei". 

"Molti cittadini non si rendevano capaci delle ragioni che hanno portato la dirigenza di Ata a spostare e riconfigurare la dislocazione dei poli ecologici in città - spiega la segretaria Maria Maione -. Specie perché a subirne le conseguenze più gravose erano proprio gli abitanti di quelle vie più strette o senza sbocco". 

"Il mistero è stato dipanato velocemente. La decisione ha preso corpo dopo diverse segnalazioni pervenute dagli autisti ai funzionari ed alla dirigenza di Ata, che si sono visti obbligati molte volte a non poter effettuare il servizio di raccolta perché non riuscivano a passare neanche con i mezzi più adeguati a causa dei parcheggi selvaggi, specie nei passaggi più stretti (ed il pensiero ci corre alle autoambulanze in caso di bisogno). Non di meno sono aumentati i guasti per le 'frizioni bruciate' e viste le condizioni del parco veicoli e quelle economiche (ricordiamo che l’Azienda si trova in concordato), per non gravare ulteriormente sulle casse comunali, hanno deciso di spostare i cassonetti in punti sicuramente più raggiungibili" aggiungono dal Carroccio savonese. 

Le numerose rimostranze hanno attivato un confronto serrato nella stessa giornata, tra la Segreteria Cittadina della Lega Savonese (Maria Maione), l’assessorato di riferimento ed i funzionari di Ata.

"Il confronto molto costruttivo tra le parti che ha evidenziato anche le criticità della circolazione stradale e delle pessime abitudini di alcuni cittadini - spiegano dalla Lega -, è sfociato nell’accordo di riposizionare i poli ecologici soppressi già il giorno successivo, fermo restando che la Segreteria cittadina della Lega porrà in discussione il tema della revisione degli orari di raccolta, con tempistiche che possano meglio agevolare il personale di Ata e nel contempo di rivedere il piano della circolazione in quelle zone, affinché nessun automezzo, specie di pubblica utilità come Vigili del Fuoco, ambulanze o di Ata stessa, ritardino o non possano 'arrivare in tempo' per responsabilità di alcuni".

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium