/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 22 novembre 2020, 16:02

Cairo, mozione delle minoranze sui fondi stanziati dalla Regione per l'Area di Crisi: "Il comune non ha presentato progetti"

La mozione è stata votata favorevolmente solo dai consiglieri d'opposizione, al centro i fondi che potrebbero essere destinati a 700 ex dipendenti impiegati a Cairo, di cui il 10% con più di 60 anni

Cairo, mozione delle minoranze sui fondi stanziati dalla Regione per l'Area di Crisi: "Il comune non ha presentato progetti"

Solo 4 i voti favorevoli, quelli dei consiglieri comunali di opposizione presenti che l'avevano presentata, sulla mozione presentata e discussa nel consiglio comunale di sabato mattina a Cairo dai gruppi Cairo Democratica e Movimento Civico.

La mozione è stata quindi respinta dalla maggioranza di centrodestra e Lega guidata dal sindaco Paolo Lambertini, sulla richiesta fatta al Comune di attivarsi con progetti di tirocinio all'interno degli enti pubblici per attingere ai fondi messi a disposizione dal 2016 dalla Regione, nell'ambito dell'area di crisi complessa e che potrebbero essere assegnati ai lavoratori rimasti disoccupati (dopo essere stati licenziati dalle aziende in crisi) che, in tanti casi, servirebbero per accedere alla pensione.

La mozione dei gruppi di opposizione, così come le richieste di CGIL CISL e UIL di Savona, era finalizzata a suscitare l'attenzione dei Comuni sull'opportunità permessa dalla dichiarazione di area di crisi complessa e dagli accordi sottoscritti con la Regione Liguria di politiche attive e formazione, in cui rientrano soprattutto i comuni della Valbormida.

"Ad oggi solo pochissimi Comuni hanno presentato i progetti per poter mettere in campo tirocini indirizzati alle persone disoccupate. Tra questi non c'è Cairo. Un'opportunità persa, alla luce anche delle spiegazioni date dal vicesindaco leghista Roberto Speranza (ex sindacalista Cisl e dipendente Funivie), che ha motivato il voto contrario della maggioranza con la necessità di ricevere non meglio precisate “linee guida” e “accordi quadro”. Parole fumose, ma nulla di concreto. Chiediamo, come consiglieri di opposizione, l'intervento della Provincia per farsi carico del ruolo di coordinamento a supporto dei Comuni, che non sono riusciti sino ad oggi a presentare progetti in tal senso" dicono Giorgia Ferrari, Matteo Pennino e Alberto Poggio di Cairo Democratica e Silvano Nervi e Nicolò Maria Lovanio del Movimento civico.

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium