/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 17 gennaio 2021, 09:47

Savona, l'avvocato e assessore Andrea Sotgiu racconta la sua lotta contro il Covid: "Esperienza devastante, se non ti ritrovi catapultato non puoi renderti conto cosa voglia dire ammalarsi"

Il racconto dell'esponente della giunta Caprioglio su Facebook: "Non posso che ringraziare dal mio più profondo dell’animo tutte le persone che passano ogni minuto della loro giornata per cercare di salvare vite umane"

Savona, l'avvocato e assessore Andrea Sotgiu racconta la sua lotta contro il Covid: "Esperienza devastante, se non ti ritrovi catapultato non puoi renderti conto cosa voglia dire ammalarsi"

"Grazie ancora perché ci siete come angeli custodi in una battaglia che dobbiamo vincere a tutti i costi ma che impone a ciascuno di noi di rispettare le regole, di non sottovalutare il virus e di non vanificare il grande lavoro che queste persone stanno svolgendo quotidianamente".

Questo l'appello e il ringraziamento arrivato direttamente dal suo profilo Facebook dall'assessore del comune di Savona con delega al Servizio Legale, Patrimonio, Trasparenza ed Anticorruzione e avvocato Andrea Sotgiu che è stato contagiato dal virus e ricoverato all'ospedale San Paolo.

"Sono quasi dieci giorni che manco da Facebook. Ho vissuto un periodo molto difficile e desidero ringraziare tutte le persone (amici, conoscenti e sconosciuti) che hanno espresso la loro solidarietà e le loro opinioni in riscontro al mio post del 3 gennaio, sicuramente forte e provocatorio, dove lamentavo una a mio avviso non corretta e coerente gestione delle situazioni di malati COVID in isolamento domiciliare a seguito di accertata positività. Le mie condizioni generali, dopo il test molecolare che finalmente Asl mi era venuto a fare a casa a causa della febbre persistente molto alta, sono poi peggiorate tanto da render necessario il ricovero in ospedale" spiega Sotgiu.

"Polmonite bilaterale che ha comportato la necessità di una terapia forte, ossigenazione forzata (fino al casco da astronauta come l’ho definito io): ossigenazione che ancora oggi utilizzo sia pure in forma molto attenuata per facilitare la respirazione e la ripresa dell’attività polmonare. I parametri stanno rientrando lentamente ma stanno rientrando: ci vorrà ancora molta pazienza ma vedo l’uscita dal tunnel. È stata, e rimarrà comunque per sempre, una esperienza per me devastante sotto molteplici profili, sia personali che interpersonali; sconquassante, che ti fa perdere certezze e ti fa vacillare ogni minuto, per quello che vedi, per quello che senti" continua l'assessore savonese.

"Posso assicurare che se non ti ritrovi catapultato in questa tragica realtà non puoi renderti conto fino in fondo cosa voglia dire ammalarsi di COVID. Non posso che ringraziare dal mio più profondo dell’animo tutte le persone che passano ogni minuto della loro giornata per cercare di salvare vite umane : non ci sono parole per esprimere l’apprezzamento per la dedizione, la competenza, la professionalità, l’amore, la generosità con cui tutto il personale medico e infermieristico che fanno parte del reparto COVID del nostro ospedale si mette a disposizione di noi pazienti per farci uscire da questo incubo" prosegue.

"È ormai quasi un anno che vanno avanti e stringono i denti: a volte si ammalano anche loro e le difficoltà sono ancora più grandi. Non si risparmiano mai e purtroppo non sempre riescono nell’intento perché questo virus non è una semplice influenza potenziata: questo virus attacca e colpisce subdolamente, ti stronca poco a poco soprattutto se hai una salute minata da altre patologie. Ci vuole fede ma anche un po’ di fortuna ma ci vuole soprattutto speranza nelle cure che possano fare il loro effetto" conclude nel suo post sui social l'assessore e avvocato savonese.

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium