/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2021, 11:35

Savona, braccia incrociate dei lavoratori Ata il 21 settembre davanti al Tribunale e al comune

Diverse le motivazioni dello sciopero: dall'assunzione dei lavoratori precari, la sicurezza sul lavoro, la carenza di mezzi e di personale e la preoccupazione sul bando di gara

Savona, braccia incrociate dei lavoratori Ata il 21 settembre davanti al Tribunale e al comune

E' stato confermato dai sindacati, Cgil, Cisl, Uil e Fiadel lo sciopero dei lavoratori di Ata per il prossimo martedì 21 settembre dalle 9.30 con presidio prima dal Tribunale di Savona e poi successivamente in piazza Sisto davanti al palazzo comunale.

"Scioperiamo contro il silenzio assordante del commissario giudiziale Giampaolo Provaggi che fino ad oggi si è negato a qualsiasi incontro e/o trattativa con i rappresentanti dei lavoratori nonché agli incontri promossi dal Prefetto di Savona durante la procedura di raffreddamento pur di non incontrare i lavoratori" dicono unitariamente le organizzazioni sindacali.

"Per l'assunzione delle lavoratrici e dei lavoratori da anni precari perché per l’ennesima volta sono stati presi in giro e illusi che in con la pubblicazione del bando di gara per la New Co, sarebbero stati assunti e stabilizzati definitivamente mettendo la parola fine ad una storia che va avanti da anni e che costringe i lavoratori a vivere con “l’ansia da rinnovo del contratto” e nella costante incertezza per il futuro loro e delle proprie famiglie" proseguono.

"Per dire basta alle continue bugie perché il costo del lavoro precario è più alto di quello dei lavoratori assunti a tempo indeterminato e in una azienda in difficoltà economica come la ATA S.p.A., che chiama continuamente i propri lavoratori a fare sacrifici su sacrifici, ogni quattrino dovrebbe essere speso con la massima oculatezza. Invece si continua a raccontare mezze verità e soprattutto a ricorrere a forme di lavoro più costose - precisano sulle motivazioni della mobilitazione - e per il giusto diritto alla sicurezza perché i lavoratori sono costretti a utilizzare mezzi i cui standard di sicurezza non sono più garantiti e la maggior parte di questi è ferma per riparazioni, eseguite tra l’altro con eccessiva lentezza e sarebbe bastato attivare le procedure di urgenza previste dalla norma per garantire invece tempi di riparazione rapidi per far fronte a questa problematica".

Centrale anche la carenza di mezzi e personale, dito puntato anche contro l'amministrazione comunale.

"La preparazione del bando di gara è durata troppo a lungo, mettendo in serio pericolo il futuro dell’azienda nel caso in cui non dovesse andare a buon fine la gara per l’individuazione del soggetto privato della New Co con grave pericolo di perdita di posti di lavoro".

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium